Latina, prove di sintetico

Cambio di programma per il Latina. La trasferta di domenica pomeriggio contro il Rieti si giocherà sul sintetico di Monterotondo (il “Manlio Scopigno” non è agibile) e nella marcia di avvicinamento verso la sfida contro la formazione reatina l’undici nerazzurro si è allenato sul sintetico del San Bernardino di Sonnino. Raggi ha potuto lavorare con l’intero gruppo, 

Leggi tutto

festa1Cambio di programma per il Latina. La trasferta di domenica pomeriggio contro il Rieti si giocherà sul sintetico di Monterotondo (il “Manlio Scopigno” non è agibile) e nella marcia di avvicinamento verso la sfida contro la formazione reatina l’undici nerazzurro si è allenato sul sintetico del San Bernardino di Sonnino. Raggi ha potuto lavorare con l’intero gruppo, tranne naturalmente l’infortunato Mariniello e Fabrizio Tirelli. A proposito del baby nerazzurro, continua la sua avventura a Viareggio, dato che la Rappresentativa ha eliminato nei quarti di finale e dopo i calci di rigore il Torino.

BALLEELLO SI? – Tornando al Latina, nella partitella in famiglia giocata a Sonnino, Raggi ha schierato Patrizio Balleello nell’undici titolare, a questo punto quindi si profila proprio domenica il ritorno in campo del difensore fermo ormai da agosto per l’infortunio al ginocchio. A Sonnino era presente anche Giacomo Polidori, allenatore della Juniores nazionale nerazzurra, sarà lui domenica ad andare in panchina contro il Rieti e a dirigere la squadra, vista la squalifica sia di Maurizio Raggi che del suo vice Tony Napoleoni.

mannarelliMANNARELLI RICHIAMA ALL’ORDINE – In vista della sfida col Rieti a fare il punto della situazione è il direttore tecnico, Gianfranco Mannarelli: “Dopo l’ultimo passo falso con l’Astrea a questo punto sarà necessario, anzi fondamentale, fare bottino pieno a Rieti. La sconfitta di domenica scorsa è stata archiviata: l’Astrea ha fatto la propria partita, noi non abbiamo reso al massimo ed è arrivata una battuta d’arresto che non ci aspettavamo: non è il caso di tirare in ballo l’arbitraggio. La nostra società ha assunto fin dall’inizio una linea di comportamento che si propone di rispettare sempre e comunque i direttori di gara. Inoltre escludo qualsiasi tipo di complotto nei nostri confronti: il nostro club si è sempre comportato in modo corretto, ha tradizioni calcistiche ben radicate e Latina è un capoluogo di provincia, quindi penso che non faccia comodo a nessuno un complotto contro di noi. L’unica cosa che conta – ha continuato Mannarelli – Sono le prestazioni, i risultati e un comportamento consono ad una società che rispetta i propri giocatori. Quindi non saranno più ammessi atteggiamenti in campo che poi costringono il gruppo a giocare senza pedine fondamentali. Cinelli ad esempio si è beccato 5 turni di squalifica sempre per proteste e siamo a metà stagione, non è accettabile. Ma anche molti altri giocatori hanno spesso rimediato ammonizioni ‘sciocche’ per protestare contro l’arbitro: non si possono giocare partite con formazioni rimaneggiate a causa di turni di squalifica arrivati in seguito a comportamenti ingenui. Ancora manca un intero girone di ritorno e le possibilità di recuperare punti e guadagnare una posizione importante in classifica ci sono tutte. Questa settimana ho visto i ragazzi motivati e desiderosi di riscattare la sconfitta di domenica scorsa contro l’Astrea e ora Rieti – ha concluso Mannarelli – Diventa una tappa fondamentale per il nostro futuro”.

Lascia un commento