Sa.Ma.Gor., adesso bisogna cambiare la tendenza

La Coppa Lazio si allontana. Dopo la sconfitta rimediata all’Oscar Zonzin di Borgo Montello, la Sa.Ma.Gor. è rimasta a quota 25, scivolando al nono posto a sei lunghezze dal Sermoneta e dal quinto posto. che rappresenta l’ultimo piazzamento utile per centrare la qualificazione alla prossima Coppa Lazio. In casa gialloblu sono consapevoli della situazione: sia 

Leggi tutto

sperduti-samagor-mancini-r11-copiaLa Coppa Lazio si allontana. Dopo la sconfitta rimediata all’Oscar Zonzin di Borgo Montello, la Sa.Ma.Gor. è rimasta a quota 25, scivolando al nono posto a sei lunghezze dal Sermoneta e dal quinto posto. che rappresenta l’ultimo piazzamento utile per centrare la qualificazione alla prossima Coppa Lazio. In casa gialloblu sono consapevoli della situazione: sia l’allenatore sia i giocatori sanno che il rendimento tenuto nelle ultime giornate non può essere sufficiente al raggiungimento di quello che è stato indicato come l’obiettivo da raggiungere alla fine del campionato. Nelle ultime dodici giornate, la squadra di Ciaramella ha raccolto soltanto 11 punti: insomma, con meno di un punto a partita di media è davvero difficile centrare un obiettivo così importante.

LA GRINTA DI SPERDUTI – Per riuscirci, dunque, è necessario invertire al più presto la tendenza:  “Nel calcio, si sa, basta davvero poco per cambiare l’esito di una partita – ha detto il centrocampista gialloblu Matteo Sperduti – Ma è un periodo che le gare non vanno per il verso giusto. Ogni domenica creiamo diverse occasioni pericolose che per un motivo o per l’altro non riusciamo a trasformare in gol e, alla fine, questo pesa sul bilancio di una stagione: prima di prendercela con la sorte dobbiamo rimproverare noi stessi. Oltretutto, bisogna dire che nelle ultime gare qualche episodio arbitrale ci ha penalizzato. Tuttavia, nonostante tutto, noi siamo piuttosto tranquilli perché coscienti che con le risorse che abbiamo a disposizione non possiamo davvero fare di più: ogni domenica diamo tutto quello che abbiamo, ma purtroppo non sempre il risultato corrisponde agli sforzi fatti”.

Simone D’Arpino

Lascia un commento