Fondi campione d’Inverno, Gaeta ad un passo. Aprilia nel baratro

Chi l’avrebbe mai detto qualche mese fa? La vittoria contro i sardi dell’Arzachena porta il Fondi in vetta alla classifica del girone G, con un punto sulla coppia Flaminia-Gaeta, e vale il titolo di campione d’inverno. Titolo che in Serie D è forse meno sentito rispetto ad altre categorie ma che dimostra come questa squadra 

Leggi tutto

pannozzo-1Chi l’avrebbe mai detto qualche mese fa? La vittoria contro i sardi dell’Arzachena porta il Fondi in vetta alla classifica del girone G, con un punto sulla coppia Flaminia-Gaeta, e vale il titolo di campione d’inverno. Titolo che in Serie D è forse meno sentito rispetto ad altre categorie ma che dimostra come questa squadra non possa più essere ritenuta una meteora bensì una grande a tutti gli effetti. Eppure la gara è stata tutto fuorché agevole, complice anche un arbitraggio non proprio impeccabile. L’Arzachena dimostra fin dalle prime battute di essere venuta all’Arnale Rosso per disputare una gara accorta e il Fondi sembra soffrirne. Ad ogni modo, le reti di Pannozzo e di Branicki hanno permesso al Fondi di scardinare una difesa che pareva impenetrabile e di vincere la partita. I rossoblu possono così affrontare il Gaeta, nel match che vale una stagione, guardando tutti dall’alto.

gambino-esultanzac2a9ldangeloGAETA CORSARO – Subito una vittoria per mister Luigi Sottana alla sua prima assoluta sulla panchina del Gaeta. Al rientro in campionato dopo la pausa natalizia, i biancorossi passeggiano sul campo dell’Astrea con una prestazione spettacolare. La sfida termina 4-2, un risultato che per come sono andate le cose durante i 90’ sta anche stretto al team del presidente Magliozzi che finalmente sembra essere ritornato sui livelli del mese scorso. Soprattutto sembrano essere rientrati in forma i vari Marzullo, Gambino e Amendola, tutti e tre in rete nella prima frazione di gioco prima del sigillo finale di Ragusa (primo gol in maglia biancorossa). L’approccio al match è perfetto per l’undici di mister Sottana che al 13’ passa subito in vantaggio con Amendola bravo a ribadire in rete la corta respista di Iacomini sul tiro di bomber Gambino. Gioca divinamente il Gaeta che 7’ più tardi si porta sul 2-0 grazie alla prodezza di Flavio Marzullo, imbeccato da Vitale, che a tu per tu con Iacomini non ha problemi ad insaccare.

IL RITORNO DI GAMBINO – Ma non è ancora finita perchè la macchina Gaeta si muove ancora e al 35’ Gambino buca per la terza volta il povero estremo difensore dell’Astrea. Un gradito ritorno al gol quello di Giuseppe Gambino, a secco ormai da quasi due mesi. Nella ripresa il copione è pressochè lo stesso anche se al 5’ su un cross dalla destra, Stirpe è bravo ad anticipare di testa sul primo palo sia Cioffi che Speranza per il momentaneo 1-3. I padroni di casa ci credono, avanzano il loro baricentro ma finiscono per capitolare con la quarta rete di Matias Ragusa che in contropiede con il sinistro inchioda Iacomini. Al 34’ infine Colantuono stende Fantini in area di rigore e per l’arbitro non ci sono dubbi, massima punizione in favore dell’Astrea che Aglitti mette dentro per il definitivo 4-2.

corsettiRONDINELLE ANCORA AL TAPPETO – Ora c’è da preoccuparsi. Le Rondinelle Latina vengono battute per 2-1 in casa del Tavolara ed incappano nella quarta sconfitta consecutiva. Il team di mister Sergio Pirozzi chiude così un girone di andata deludente con un quintultimo posto che comincia a spaventare. I biancoblu, infatti vengono scavalcati proprio dal Tavolara in classifica e agganciati dal Castelsardo, andato a pareggiare addirittura in casa della capolista Flaminia. Insomma, per Pirozzi il lavoro da fare è ancora tantissimo, anche se le Rondinelle viste in terra nuragica avrebbero probabilmente meritato una sorte migliore. Basta dire che l’mvp del match è stato proprio l’estremo difensore di casa, decisivo in almeno tre occasioni su Corsetti e Prosia. Il vantaggio dei sardi giunge al 12’, quando Urgias inventa un bolide da trenta metri che si insacca rasoterra alla destra di Giudice. Buona la reazione degli ospiti che, però, subiscono il 2-0 proprio a ridosso del riposo: Ferrugia apre il campo per Palumbo che entra in area di rigore da sinistra e supera ancora Giudice in diagonale. L’Aprilia ci crede nella ripresa, quando Corsetti va a segno al quarto d’ora su assist di testa di Prosia. Solo un’illusione.

Marco Iannotta, Gianpiero Terenzi e Alessandra Stefanelli

(Foto Leonardo D’Angelo e Mirko Andreatta)

I TABELLINI

ASTREA – GAETA 2-4
Astrea: Iacomini, Ronzani (36’ Aglitti), Chercheli, Ripa, Persia, De Santis, Braccani, Narcisi (36’ s.t. Carli), Stirpe, Muratore (26’ s.t. Vano), Fantini. A disp.: Loversi, Attardo, Paris, Curcio. All.: Di Luca.
Gaeta: Campironi, Esposito, Colantuono, Vitale, Ciuffi, Speranza, Amendola, Iozzi, Gambino (32’ s.t. Ezeadi), Marzullo (8’ s.t. Ragusa), Recchia (16’ s.t. Tarantino). A disp.: De Filippis, Coppa, Costanzo, Trotta. All.: Gigi Sottana,
Arbitro: Grega di Legnano. Assistenti: Lieccio di Torre del Greco e Alfano di Castellammare di Stabia.
Marcatori: 13′ Amendola, 20′ Marzullo, 35′ Gambino, 5′ s.t. Stirpe, 20′ s.t. Ragusa e 34′ s.t. rig. Aglitti.
Note: Ammoniti Ronzani, Iacomini, Braccani, Persia e Ripa (A).

TAVOLARA – RONDINELLE 2-1
Tavolara: Garau, Ambrosini, Minutola (23’ Saba), Lupo, Fusaro, Usai, Urgias, Cucchi, Farrugia (13’ st Piredda), Riccardo, Palumbo V. (38’st Di Gennaro). A disp.: Evangelista, Levrini, Atzeni, Palumbo T. All.Addis
Rondinelle: Giudice, Chiarucci, Zara, Bianchi, Eramo, Pietrucci, Bizzarri (1’st Iacoponi), Pelle (1’st Turchetta), Prosia, Corsetti, Pedalino (25’st Triola). A disp.: Marini, Fratangeli, Pinna, Oliva All. Pirozzi
Arbitro: Di Tano di Bari
Marcatori: 12’Urgias 47’ Palumbo V., 15’st Corsetti
Note: Espulsi: Cucchi al 22’st e Bianchi al 41’st. Ammoniti: Urgias, Ambrosini, Riccardo, Lupo, Zara, Pedalino, Iacoponi

FONDI – ARZACHENA 2-0

Fondi: Celli, Esposito, Galasso, Violante, Pannozzo (42’st Fiore), Iossa, Festa, Ambruoso, Di Ruocco (9’st Venerelli), Branicki, Di Maio. A disp. Belviso, Vicedomini, Stravato, Tufano, Improta. All. Liquidato
Arzachena: Murtas, Angiò, Capone, La Rosa, Santinami, Milia, Lepore, Malu, Di Tacchio (27’st Maniero), Marini (38’st Mascia), Del Rio (23’st Spano). A Disp. Marzeddu, Aloia, Ghilardi, Pirina. All. Alvardi
Arbitro: Silvestri di Avezzano. Assistenti Spagnolo di Chieti e Stela di Teramo.
MARCATORI: Pannozzo (16’st), Branicki (36’st).
Note: Ammoniti Di Maio (Fondi), Angiò, Murtes, Santilami (Arzachena). Espulsi: Lepore per proteste (16’st), Branicki per somma d’ammonizioni (36’st).

Lascia un commento