Smith, un ex Cantù a Latina

Il nuovo americano dell’Ab Latina, colui che sostituirà come passaporto ma non nel ruolo Kc Rivers, ha finalmente un nome: si tratta di Theron Smith, vecchia conoscenza del basket italiano per aver militato nella stagione 2006/07 con la canotta di Cantù. Smith, 30enne ala grande di 203 centimetri, ha giocato anche in NBA con Charlotte 

Leggi tutto

smithIl nuovo americano dell’Ab Latina, colui che sostituirà come passaporto ma non nel ruolo Kc Rivers, ha finalmente un nome: si tratta di Theron Smith, vecchia conoscenza del basket italiano per aver militato nella stagione 2006/07 con la canotta di Cantù. Smith, 30enne ala grande di 203 centimetri, ha giocato anche in NBA con Charlotte e Memphis e vanta trascorsi europei in Francia con l’Orleanaise Loieret e in Cina con il Tianjin. La sua esplosività lo rendono abile per coprire pure lo spot di ala piccola ma è chiaro che Ciaboco lo utilizzerà soprattutto vicino a canestro per aumentare la pericolosità nerazzurra in fatto di punti e rimbalzi.

DIETRO LE SCENE – L’ala statunitense esordirà già domenica prossima a Rimini, un fattore importante per una squadra apparsa quanto mai allo sbando nelle ultime settimane. Smith è un ottimo elemento ma non la primissima pista che Latina ha seguito per rinforzarsi. Era infatti ad un passo l’accordo con Darius Rice, ex ala grande di Montegranaro, ma la trattativa è saltata all’ultimo per le esose richieste economiche del cestista americano.

PISTA BALTICA – Dopo l’arrivo di Smith si attende anche quello di una guardia tiratrice. Latina, tramite i noti buoni uffici con la Players Group di Montano, si sarebbe indirizzata verso il mercato baltico: il nome più caldo è quello del lettone classe ‘84 Arturs Stalbergs, anche se la dirigenza sta aspettando di piazzare il colpo per valutare al meglio tutte le possibilità.

CIAO DAVORIN – Non solo mercato in entrata per Latina. Manca soltanto l’ufficialità infatti per il “taglio” di Davorin Dalipagic, che non ha reso come lo staff tecnico si sarebbe aspettato. Il suo posto da comunitario sarà preso appunto dalla guardia che arriverà forse già la prossima settimana. Resta incerto anche il futuro di Phil Missere. A coach Ciaboco l’ultima parola.

Jonathan Gavin

Lascia un commento