Il 2009 è targato Virtus Lenola e Sonnino

Cala il sipario su un 2009 ricco di spunti in Seconda categoria. Tre mesi di un campionato che ha già detto tante cose interessanti: tra queste sicuramente i nomi delle squadre che lotteranno fino alla fine per la promozione in Prima categoria. Sonnino, Virtus Lenola e Sonnino appaiono infatti un gradino sopra rispetto alle altre, 

Leggi tutto

di-vito-12Cala il sipario su un 2009 ricco di spunti in Seconda categoria. Tre mesi di un campionato che ha già detto tante cose interessanti: tra queste sicuramente i nomi delle squadre che lotteranno fino alla fine per la promozione in Prima categoria. Sonnino, Virtus Lenola e Sonnino appaiono infatti un gradino sopra rispetto alle altre, come nei pronostici della vigilia. Impressiona, in particolare, il cammino tenuto dalle formazioni guidate da Cesare Baroni e Francesco Pecchia: ventotto punti in undici partite, frutto di nove vittorie, un pari ed una sola sconfitta. Dalla parte di gialloblu e rossoverdi anche il dato riguardante il computo delle reti fatte e subite: 34 gol all’attivo contro soli sette al passivo (miglior difesa del campionato insieme a Bella Farnia e Amatoriale Bassiano) per il Sonnino , 31-8 per la Virtus Lenola che dalla sua può vantare sicuramente il gioco più bello del girone.

BELLA FARNIA ALLA FINESTRA – Alle spalle del duo di testa scalpita il Bella Farnia che ha dalla sua il recupero da disputare il 3 gennaio con lo Sperlonga: in caso di vittoria contro l’undici di Guglietta i bianco verdi ridurrebbero a due le lunghezze di distacco da Sonnino e Lenola, rendendo così ufficialmente il campionato una lotta a tre.

mister-censorio-2EQUILBRIO TRA GLI “UMANI” – Tolte le prime tre è un campionato molto equilibrato, almeno nella sua parte centrale. Tante le sorprese in positivo ma anche qualche squadra che sta sicuramente rendendo al di sotto delle aspettative: tra queste spicca il Nuovo Latina che, dopo una discreta partenza, negli ultimi tempi sta vivendo un’involuzione davvero preoccupante. Sono solo nove i punti raccolti sinora dai nerazzurri (terzultimi), ai quali mister Bilali proprio non riesce ad inculcare la sua filosofia particolare di gioco. Le note liete invece sono rappresentate da Borgo Santa Maria e Amatoriale Bassiano, due neopromosse (grazie al ripescaggio) che stanno ben comportandosi. Rossoblu e gialloblu occupano la quarta piazza a quota diciannove e portano avanti due filosofie di gioco simili: poco spazio al gioco avversario e attenzione massima a sfruttare le occasioni in contropiede. La formazione di Censorio, miglior difesa con sette reti subite, è sicuramente la formazione che fa giocare peggio le squadre avversarie, mentre i borghigiani (alle prese però col dilemma Bruscagin) possono contare forse sul giocatore più forte del raggruppamento, quel Tiziano Riggi che, dopo diverse esperienze in Eccellenza e Promozione, sta facendo le fortune dell’undici del presidente Oriano Biscuola.

christian-roma-zpI MIGLIORI GIOCATORI DELL’ANNO – E’ giunto quindi il momento di parlare dei singoli che si sono messi maggiormente in evidenza in questi primi tre mesi di campionato. Detto di Riggi, come non citare Virgilio Di Vito, centravanti della Virtus Lenola: l’ex giocatore del Monte San Biagio sta trascinando (insieme al gemello Triolo) a suon di reti i rossoverdi. Sono ben dodici, in undici partite, i centri di Di Vito che fa di tecnica, rapidità nel breve e freddezza sotto porta le sue qualità migliori. Lenola protagonista anche tra i pali, dove Caporini si sta rivelando spesso decisivo per le sorti della formazione di Pecchia. Stesso discorso per l’altra capolista, il Sonnino, la cui porta è difesa da Alla: l’ex estremo difensore del San Michele, fondamentale nel successo in casa dell’Agora Santa Rita quando ha parato un rigore a Roma, è il leader di una retroguardia di tutto rispetto. Tanti singoli quindi ma alla fine sarà la squadra più compatta quella che si porterà a casa questo avvincente campionato.

Davide Di Cesare

Lascia un commento