Piperissa, una testata al Gaeta

Il volto della domenica è quello del giovane Gianluca Zara. Lui il grande protagonista della vittoria dell’Aprilia per 1-0 sul Gaeta. Il terzino biancoazzurro prima salva sulla linea un gol già fatto di Marzullo, poi, a 2’ dalla fine si inventa una spettacolare discesa sulla sinistra culminata con un cross al bacio che Piperissa gira 

Leggi tutto

piperissaIl volto della domenica è quello del giovane Gianluca Zara. Lui il grande protagonista della vittoria dell’Aprilia per 1-0 sul Gaeta. Il terzino biancoazzurro prima salva sulla linea un gol già fatto di Marzullo, poi, a 2’ dalla fine si inventa una spettacolare discesa sulla sinistra culminata con un cross al bacio che Piperissa gira in fondo al sacco. Una rete che decide un derby molto tattico e alquanto avaro di emozioni. I due tecnici scelgono di schierarsi con un modulo speculare. Bindi ripropone quello che ormai può essere tranquillamente definito l’undici titolare. Linea difensiva composta da Eramo e Rambaldi – posizionato come aprilia-gaetacentrali- con Zara e Chiarucci ad occupare rispettivamente la fascia sinistra e destra. Centrocampo a 4 con Pietrucci e Lolli a giostrare per vie centrali, Corsetti e D’Ambrosio sulle fasce e, unica novità, il giovane Triola a supporto di Prosia in sostituzione dell’infortunato Pedalino. I biancorossi rispondono con una difesa a 4 composta (partendo da sinistra) da Esposito, Speranza, Nnamani e Costanzo. A centrocampo spazio a Colantuono e Amendola sulle fasce e la coppia Vitale-Ezeadi sul cerchio del centocampo. In avanti bomber Giuseppe Gambino supportato sulla tre quarti dal «Mago» Marzullo.

PARTENZA LANCIATA – L’inizio è di pura marca gaetana. Gli ospiti sono bravi a prendere subito in mano le redini del gioco grazie ad una fitto palleggio palla a terra _dsc1104che va poi a sfociare sulle fasce. Si vede all’11’, quando. Amendola riceve palla sulla sinistra per poi crossare al centro per la testa di Gambino che alza di poco alto sulla trasversale di Giudice. La risposta dell’Aprilia è immediata. Sul capovolgimento di fronte, infatti, Lolli chiama nello spazio Triola che brucia sullo scatto il proprio marcatore per poi tentare un difficile destro in corsa che si spegne sull’esterno della rete. Ma il Gaeta continua a premere e al 20′ ha l’occasione (forse la più ghiotta dell’incontro) per il vantaggio. Su azione di rimessa Marzullo vince un rimpallo al limite dell’area, chiede la triangolazione a Gambino che con un sontuoso colpo di tacco lo libera solo davanti a Giudice. Il portiere è bravo ad uscire tempestivamente sui piedi del «Mago» che si fa ipnotizzare sparando sui guanti del numero 1 apriliano. E’ questo l’ultimo sussulto di un primo tempo che si spegne lentamente. Il canovaccio non cambia: Gaeta a fare la partita e Aprilia a rintuzzare gli attacchi degli avversari che si affidano più che altro all’estro di Marzullo, ben ingabbiato però nella morsa di Eramo e Rambaldi.

corsettiUN LAMPO E NIENTE PIU’ – Nella ripresa l’Aprilia sembra scendere in campo un po’ più propostivo. L’undici di Bindi si rende pericoloso per tre volte nel giro di 3’. Al 7’ Lolli lancia Triola che anticipa Nnamani, entra in area di rigore e poi cade. Si grida al rigore, ma Losito di Pesaro opta per la simulazione. Poco dopo Triola ci riprova dalla distanza (tiro alto) emulato da Corsetti che al 10’ prova un improbabile tiro a «giro» in corsa che sfila altissimo sulla traversa. Sul capovolgimento il Gaeta si rifà vivo: Colantuno vola sulla sinistra, mette al centro per Gambino che manca l’appuntamento con la sfera. A rimorchio, però, arriva Amendola che in spaccata all’altezza del vertice dell’area piccola gira a rete. Sembra fatta, se non fosse che, proprio sulla linea di porta, arriva Zara a salvare un gol già fatto. L’andirivieni di occasioni spaventa i ventidue in campo che, lentamente, rinculano abbassando il baricentro. Ne risente la spettacolarità di un match che sembra addormentarsi verso uno scialbo 0-0.

I CAMBI DECISIVI – Ma Bindi non ci sta e prova a cambiare volto alla sua squadra. Dentro Caputi e Oliva sulle fasce e Piperissa a far coppia in avanti con Prosia al posto di uno spento Corsetti. L’Aprilia cambia evidentemente modo di giocare. Si passa a palle alte e spioventi in area di rigore alla ricerca dei centimetri dei due «pivot» biancoazzurri. I risultati, come detto, si vedono a pochi istanti dal termine, quando la coppia Zara-Piperissa (al primo gol in campionato) fa valere la legge del «Quinto Ricci», dove l’Aprilia non conosce sconfitte. Dall’altra parte un Gaeta che si ferma dopo cinque vittorie consecutive. Uno stop che non cambia di una virgola, comunque, le credenziali della formazione di mister Fortunato Torrisi che rimane una delle favorite del girone.

piperissa-di-testagol-piperissa

Gianpiero Terenzi. Foto: Mirko Andreatta

IL TABELLINO

RONDINELLE – GAETA 1-0
Rondinelle: Giudice, Chiarucci, Zara, Eramo, Rambaldi, D’Ambrosio (20’st Oliva), Pietrucci, Lolli, Prosia, Corsetti (34’st Piperissa), Triola (20’st Caputi). A disp.: Caruso, Piccolo, Della Santa, Reccolani. All.: Bindi
Gaeta: De Filippis, Costanzo, Esposito, Vitale, Nnamani, Speranza, Colantuono (41’st Maimone), Ezeadi, Gambino (34’st Capuozzo), Marzullo, Amendola. A disp.: Campironi, Coppa, Di Pietro, Bertolo, Malari. All.: Torrisi
Marcatori: 42’st Piperissa
Arbitro: Losito di Pesaro
Note: Ammoniti: Rambaldi. Recuperi: 1′ e 3′

Lascia un commento