Aprilia ko in casa della capolista

Peccato. Le Rondinelle falliscono il filotto di risultati utili consecutivi fermandosi a quota tre pur non sfigurando in casa della capolista. A giustiziare i ragazzi di mister Massimo Bindi, infatti, ci pensa Flaminia Civita Castellana che si impone all’inglese (2-0) e manda un chiaro segnale alle inseguitrici: questa squadra non ha nessuna intenzione di fermarsi. 

Leggi tutto

bindi-urlaPeccato. Le Rondinelle falliscono il filotto di risultati utili consecutivi fermandosi a quota tre pur non sfigurando in casa della capolista. A giustiziare i ragazzi di mister Massimo Bindi, infatti, ci pensa Flaminia Civita Castellana che si impone all’inglese (2-0) e manda un chiaro segnale alle inseguitrici: questa squadra non ha nessuna intenzione di fermarsi. Un match deciso dagli episodi, tutti in favore dei viterbesi, che hanno comunque il merito di capitalizzare praticamente ogni palla gol arrivata dalle parti di Giudice. L’Aprilia, da parte sua, non sfigura, ma rimane all’asciutto per l’ennesima volta in trasferta, dove si cerca ancora il primo successo stagionale.

BUONA PARTENZA – Rondinelle pericolose già al 10’, quando su spiovente di Corsetti Anselmi per poco non beffa il proprio portiere nel tentico di spazzare. Dal quarto d’ora, però, i padroni di casa iniziano a macinare gioco. E’ La Cava che con una bella girata costringe Giudice a rifugiarsi in angolo. Col passare dei minuti salogno di tono Capolei e Sinisi che fanno impazzire i rispettivi marcatori. Al 22’ la premiata ditta Gentili si procura un’altra occasione sottoporta. Il gol è maturo e infatti arriva poco più tardi. Poco dopo la mezz’ora è un grosso errore di Giudice (ingannato da un rimbalzo) su tiro di Anselmi da circa 40 metri a regalare il vantaggio ai padroni di casa.

prosiaLA RIPRESA – Nella ripresa cambia decisamente il copione. Complice probabilmente la strigliata di Bindi ai suoi, e qualche accorgimento tecnico con Caputi al posto di uno spento D’Ambrosio, le Rondinelle salgono di tono alzando lentamente ma inesorabilmente il baricentro. Poi i ritmi calano e la partita si fa meno spettacolare, con l’Aprilia che tenta, invano, di scalfire la rocciosa retroguardia di casa. E i biancoazzurri ci riescono anche.
E’ il quarto d’ora quando Prosia incorna alle spalle del portiere ospite su cross di Piccolo. La rete che potrebbe cambiare l’inerzia della partita arriva proprio nel momento migliore delle Rondinelle, se non fosse che il guardalinee non avesse sbandierato per una più che dubbia posizione di off side dello stesso Prosia al momento della conclusione a rete.
Il gioco a questo punto si fa più frammentario e nervoso, il tempo passa e gli ospiti non riescono a farsi vedere più di tanto. Così alla mezz’ora è bomber La Cava a decidere di chiudere il discorso firmando un gol tanto pesante quanto bello da vedere: l’assist lo fornisce il migliore in campo Capolei mentre la stoccata ad incrociare dell’attaccante di Quadrelle (sesto gol) è da incorniciare: niente da fare per Giudice e risultato in cassaforte per la capolista. A dir la verità c’è ancora il tempo per l’occasione di Scacchetti che si guadagna la pagnotta impegnando severamente Giudice e poi per due chance di marca ospite con Pietrucci, ultimo ad arrendersi e sicuramente più efficace dello spento Lolli, che prima impegna Assogna e poi spreca da posizione molto invitante.

Gianpiero Terenzi

FLAMINIA CIVITACASTELLANA-RONDINELLE 2-0
Flaminia Civita Castellana
: Assogna, Pota, Gentili V., Anselmi, Scardala, Travaglione (20’ st Meloni) Lunghi, Sinisi (15’ st Scacchetti), Gentili C., Capolei, La Cava (39’ st Petricca sv). A disp: Fedele, Giannotta, Barduani, Berardi. All: Farris.
Rondinelle: Giudice, Chiarucci, Zara, Eramo (15’ st Piperissa), Reccolani, D’Ambrosio  (10’ st Caputi ), Fratangeli, Lolli (29’ st Pietrucci) Piccolo, Corsetti, Prosia. A disp: Marini, Della Santa, Triola, Langiotti. All.: Bindi.
Arbitro: Loni di Cagliari.
Marcatori: 34’ pt Anselmi (F), 30’ st La Cava (F).
Espulso al 34’ st Anselmi (F) per proteste.
Ammoniti: Assogna, Pota, Anselmi

Lascia un commento