Coppa Italia, pontine avanti con fatica

Turno di Coppa Italia tutto sommato positivo per le formazioni pontino che, eccetto Scauri, Formia e Clc accedono tutte al secondo turno della competizione Nazionale. Ma quanta fatica! Ben 4 devono ricorrere ai calci di rigore, mentre le uniche ad avere vita semplice sono state Itri e Circe, a cui sono bastati rispettivamente un pareggio 

Leggi tutto

zompatoriTurno di Coppa Italia tutto sommato positivo per le formazioni pontino che, eccetto Scauri, Formia e Clc accedono tutte al secondo turno della competizione Nazionale. Ma quanta fatica! Ben 4 devono ricorrere ai calci di rigore, mentre le uniche ad avere vita semplice sono state Itri e Circe, a cui sono bastati rispettivamente un pareggio e una sconfitta con gol per passare il primo girone.

DILETTANTI FALASCHE – PRO CALCIO 2-2 (3-5 d.c.r.)
Dilettanti Falasch
e: Oliviero, Samà, Franco, Granata, Lubtchev, Perica, Padula, Molinari, Bucchicchio, Porcari, Magistri. A disp.: Prisco, Bernardini, Mariola, De Carolis, Marrone, Carbone, Gallotti. All.: Cesarini.
Pro Calcio Fondi: Corso, Marrocco, Fiore D., Ferrara, Di Fazio, D’Isanto, Gisfredo, D’Ettorre (22’pt Rosati), Vecchio (1’st Paolella), Parisi A., Triolo (28’st Caiazzo). A disp.: Recchia, Avallone, Stravato D., Bazri. All.: Velletri.
Arbitro: Velluti di Ciampino.
Marcatori: 18’pt Bucchicchio, 30’pt Padula, 38’pt Parisi A. (rig.), 18’st Paolella.
Note: espulsi Parisi A. al 44’st e il direttore sportivo Pasquale Spirito per proteste.
Corso ha trascinato la Pro Calcio contro il Dilettanti Falasche. Dopo il 2-2 con cui si era concluso il match di andata, anche i novanta minuti si sono conclusi con lo stesso punteggio. Così, nella lotteria dei calci di rigore, il numero uno fondano ha ipnotizzato gli avversari parando addirittura tre penalty su quattro (il primo, il terzo e appunto il quarto). Durante il tempo regolamentare i padroni di casa si erano portati sul 2-0 dopo trenta minuti di gioco grazie Bucchicchio e Padula, ma la Pro Calcio era riuscita a riequilibrare le sorti del match con Alessandro Parisi, a segno dagli undici metri, e Paolella che di testa aveva fissato il risultato sul 2-2 sugli sviluppi di un corner di Gisfredo.

moreno-manciniPONTINIA – NETTUNO 0-0 (3-0 d.c.d.r.)
Pontinia
: Rocci, Srefanelli, Sinigaglia, Conti (33’st Di Emma), Bovolenta, Ambrosi, Tommasino M. Terrinoni, Di Raimo, Zanutto, raso (40’st TommasinoE.). A disp: Carbone, Agostini, Guarda. All: Mancini
Nettuno: Baylov, Floris, De Bonis, Graziosi, Marinelli (24’st zamparini), Rossi, Bramante, Tomassi, Stazi (30’st Franco), Dian, Belli A disp: Castellani, Cupellaro, Manzitelli All. D’Ambra
Arbitro: Monaco di Roma
Sequenza calci di rigore: Ambrosi (gol), Dian (parato), Zanutto (gol), Tomassi (parato), Tomassino (parato),Graziosi (parato), Rocci (gol).
Note: al 29’pt Di Raimo ha fallito un calcio di rigore
I calci di rigori sorridono al Pontinia, al termine di una gara ricca di emozioni. Nei 180’ complessivi sono mancati solo i gol e alla fine la qualificazione è meritata per gli amaranto, con un Nettuno che comunque esce a testa alta dalla competizione. Continua così la favola per la formazione di Moreno Mancini prima in campionato e al secondo turno di Coppa Italia. Il primo tempo è stato sicuramente più acceso con Di raimo che ha sbagliato un calcio di rigore, mentre per il Nettuno c’è stata una traversa e un palo colpiti dall’ex Davide Dian. Nella ripresa il ritmo è calato con le due formazioni che non hanno rischiato più di tanto, visto che la nuova regola ha eliminato i tempi supplementari. Al termine dei calci di rigore grande gioia in casa amaranto.

sampaolo-ivan3TRIGORIA – NUOVA CIRCE 2-1
Trigoria:
Merola, Gambini, Proietti, Nunzi, Caci, Di Cataldo, Mottola, Cervelli, Ricciardi, Acerbi, De Leonibus. A disp.: Moser, De Santis, Calamita, De Luca, Di Stefano, Di Trenta. All.: Coroni.
Nuova Circe: Paparello, Renzi, Birk, Omizzolo, Garofalo, Lenzini, Di Girolamo, Bracciale, Sampaolo, Terzi, Rieti. A disp.: Monetti, Sorrentino, Di Giorgio, Renzi, Novelli, Nicoletti. All.: Marzella.
Arbitro: Rezzonico di Civitavecchia
Marcatori: 33’ Sampaolo, 41’ Acerbi, 4’st Mottola
Note – Ammoniti: Gambini, Cervelli, Proietti, Ricciardi, De Leonibus, Calamita, Omizzolo. Espulsi: Caci e Acerbi.
Missione compiuta per la Nuova Circe. Ai ragazzi di Marzella bastava una sconfitta di misura con gol per accedere al turno successivo e così è andata a Roma contro il Trigoria. Primo tempo di marca sanfeliciana con i rossoblu che poco dopo la mezzora passano in vantaggio grazie al solito Ivan Sampaolo. La qualificazione sembra in cassaforte ma il Trigoria trova la forza per riportarsi subito in carreggiata: passano solamente sette minuti infatti ed Acerbi ridà la speranza ai capitolini. Ad inizio ripresa Mottola completa il ribaltone ma al Trigoria serve ancora un’altra rete per guadagnarsi il passaggio del turno. la partita nel frattempo si innervosisce e a farne le spese sono soprattutto i romani che concludono i novanta minuti in nove uomini per effetto delle espulsioni di Acerbi e Caci. In undici contro nove per la Nuova Circe è facile difendersi e portare a casa la qualificazione.

Mister Giuliano BorelliNUOVA SANTA MARIA DELLE MOLE – CLC PRIVERNO 3-1
Santa Maria delle Mole
: Cristea, Cicconi, Ventre, Dalmessa, Camplone, Savelli, Mei, De Angelis, Pancrazi, Paparelli, De Paolis. A disp.: Maioli, Salvi, Forte, Gravini, Maratella, Rossetti, Scolaro. All.: Di Carlo.
Clc Priverno: Perretta, Casale, Pannozzo, Rossetti, Locatelli, Paniccia, Di Micco, Sampaolo, Vattucci, Casaburi, Pellino. A disp.: Matraszek, Cecconi, De Santis, Parisella, Arquati, Minetti, Fusco. All.: Borelli.
Marcatori: 25’ Casaburi
Niente da fare. L’impresa era di quelle ardue per il Priverno che era costretto a vincere, o pareggiare con almeno quattro reti, per passare il turno di Coppa Italia. I biancocelesti comunque si sono ben comportati per un’ora abbondante, esattamente fino ad inizio ripresa quando, sul punteggio di 1-1, è stato negato un rigore piuttosto evidente ai lepini. Dopo questo episodio i ragazzi di Borelli sono crollati, porgendo il fianco alle iniziative del Santa Maria delle Mole che nei minuti finali ha messo in cassaforte la qualificazione chiudendo il match sul 3-1.
Un peccato perchè per un’ora buona il Priverno sperimentale schierato da Borelli aveva tenuto bene il campo, chiudendo la prima frazione sull’1-1 grazie alla rete di Casaburi. Il mister biancoceleste, Giuliano Borelli, si è comunque detto soddisfatto della prova offerta dai suoi ragazzi sul sintetico di Santa Maria delle Mole: “Sono contento perchè dopo due partite nelle quali avevamo giocato male, oggi (ieri, ndr) ho visto delle buone cose. Per un’ora abbiamo giocato davvero bene, poi qualche episodio ci ha condannato. In ogni caso è stato un ottimo allenamento”.

lucidiVIS SEZZE SETINA – CAVA DEI SELCI 2-1
Vis Sezze Setina
: Leonetta, Folcarelli, Rocchi, Auricchio, Maione, Martelletta (13′ st Di Emma), Varroni, De Simone (20′ st Soscia), Fiori (13′ st Zompatori), Pellerani, Fiore. A disp.: Mercoliano, Zeppieri, Forzan, Di Trapano. All.: Lucidi
Cava dei Selci: De Angelis, Pacchiarotti, Patriarca (1′ st Garbujo), De Martino, Cortese, Cardelli, Di Lisio (27′ st De Lorenzo), Tarquini, Ciolfi, Sterlicchio, Pucci (23′ st Pozzi). A disp.: Prata, Siciliano, Fanasca. All.: Perusiti
Arbitro: Tambolleo di Formia Assistenti: Ventre e Campagna di Cassino
Marcatori: 6′ pt Auricchio (S), 8′ st Sterlicchio (rig.) (C), 24′ st Zompatori (S)
Note: Ammoniti: Pucci, De Simone, Martelletta, Auricchio, Sterlicchio
Il Sezze sorride in Coppa Italia dopo i dispiaceri del campionato. Al Tasciotti contro Cava Dei Selci serve un altro miracolo di Zompatori per regalare ai rossoblu il secondo successo stagionale dopo la sfilza di pareggi consecutivi. Primo sorriso anche per il neo mister Fabrizio Lucidi, che può esultare già al 6’ al 6′: sul cross di Pellerani da sinistra Varroni svetta e colpisce di testa, trovando la risposta miracolosa di De Angelis, che nulla può invece sul tap-in vincente di Auricchio che di piatto deposita in rete la palla del vantaggio. Nella ripresa, però, il ritmo di gara si abbassa ed esce il Cava dei Selci che al 51’ può usufruire di un calcio di rigore per un mani in area di Martelletta. Dagli undici metri Sterlicchio non sbaglia e riporta l’equilibrio. Poco male, però. Come detto il neo entrato Zompatori. Al 24′ il talento di Cisterna classe 1989 trova la rete al termine di un’azione impostata da Fiore con un’insistita percussione, sfruttando il velo di Varroni e battendo di destro De Angelis.

tersigniFORMIA 1905 – SEGNI 1-1
Formia 1905
: Centola, Zobel, De Vita (42′ s.t. Iovino), Scipione, Lombardi (12′ s.t. De Tata), Tarallo, Valerio, Adjey, Di Roberto, Vendittozzi (35′ s.t. Baglioni), Milo. A disp.: Forte, Capomaccio, Nulli, Mazzone.
Segni: Sbardella, Centra, Barni, Michelangeli, De Porzi, Faiola, Gagliarducci (35′ s.t. Colamarini), Raimondi, Basotto, Capozzo (31′ s.t. De Santis), Binaco. A disp.: Santonico, Di Meo, Di Manno, De Angelis. All.: Giovannetti.
Arbitro: Sacco di Roma II.
Marcatori: 26′ Binaco (S) e 4′ s.t. Di Roberto (F).
Note: Ammoniti Milo, Adjey e Zobel (F). Al 30′ s.t. espulso Barni per gioco scorretto.
Non va oltre l’1-1 il Formia 1905 di mister Piero Tersigni contro il Segni nella gara di ritorno del primo turno di Coppa Italia di Promozione. In virtù dello 0-0 maturato all’andata i biancoblu del presidente Carpinelli sono così fuori dalla manifestazione per la regola dei gol segnati in trasferta dal Segni.
Squadra di casa che ha letteralmente regalato un tempo agli ospiti bravi a portarsi in vantaggio sull’unica azione degna di nota di tutta la gara.
Al 5′ brivido per il portiere del Segni Sbardella quando sul cross dalla destra di Zobel, Milo anticipa tutti di testa ma il suo tentativo finisce sul palo e poi sul fondo. Al 26′ arriva poi il vantaggio dei romani con Binaco che mette dentro in tap in la ribattuta sul palo del tiro di Basotto dopo un grave errore a centrocampo di Zobel. Momento difficile per i padroni di casa che non riescono a giocare in maniera fluida ma vanno ugualmente vicino al pareggio con Vendittozzi al 43′ che di testa impegna severamente Sbardella.
Nella ripresa Di Roberto al 4′ mette dentro di testa il gol del pari e nei minuti successivi si gioca ad una porta sola. Al 6′ Milo si divora un gol colossale con il piatto destro, stessa cosa nell’azione del 20′. Alla mezzora Barni lascia in 10 i suoi, il Formia 1905 ci prova e al 49′, Di Roberto con il sinistro all’ultimo secondo spara alle stelle da buonissima posizione. Il match termina 1-1.

SABOTINO – ACILIA 1-1 (5-3 d.c.r.)
Sabotino
: Raucci, Rigon, Nardin, Fasulo, Pupulin, Sarra, Tomei (27’st Bosneagu), Micheletti, Funari, Spogliatoio, Pernasilici (38’st Cappelletti). A disp.: Tarricone, Schiavon, Soncin, Schivo, Rubino. All.: D’Andrea
Acilia: Biocca, Riganelli, Fiorentino, Galluzzi, Colonnelli, Piayslach, Puccarello (1’st Magrelli), Di Vico (39’st Bartolucci), Valio, Pensabene (32’Iacobelli), Marzella. A disp.: Del Proposio, Porrica, Pizziconi, Filangeri. All.: Cesaroni
Arbitro: Monti di Aprilia
Marcatori: 13’st Spogliatoio (rig.) (S); 21’st Marzella (A)
Note – Espulso al 16′ Funari (S) e al 23’st Micheletti (S). Ammoniti: Fiorentino, Colonnelli, Di Vico, Magrelli
Una vera e propria impresa quella portata a termine dagli uomini di mister Pino D’Andrea che all’«Andriollo» accedono al secondo turno battendo l’Acilia ai rigori. Nel primo tempo i padroni di casa rimangono in 10 per l’espulsione di Funari. Ma sono proprio i biancoverdi ad andare in vantaggio con un rigore procurato da Micheletti e calciato da Spogliatoio. Proprio Micheletti, però, si fa cacciare poco dopo lasciando i suoi in 9. L’Acilia ne approfitta e segna al 21’ con Marzella. Gol che manda tutti ai rigori. Dagli undici metri Raucci ne para uno, mentre il Sabotino non sbaglia.

VALMONTONE – SCAURI MINTURNO 2-0 (6-5 d.c.r.)
Valmontone
: Biagi, Menè, Michelangeli, Cristofari, Nardi, Caramanica, Valentino, Casagrande, Antonelli, Galeotti, Dota. A disp.: Rovitelli, Tartaglione, Ponzio, Sivona, Miola, Ciani, Nora. All.: Pino Di Cori.
Scauri Minturno: Cenerelli, Circio, Campoli, Grassi, Sica, Illiano, Conte M., Canali F., Masino, Madaluno, Zinicola. A disp.: Alberti, Neri, Martino, Conte F., Rossini, Canali D., Pernice. All.: Gennaro Pernice.
Arbitro: Garelli di Ciampino.
Marcatori: 40′ Casagrande e 10′ s.t. Dota.
Clamoroso ma vero lo Scauri Minturno è fuori dalla Coppa Italia di Promozione. La formazione di mister Gennaro Pernice non riesce a preservare il 2-0 maturato all’andata al «Caracciolo Carafa». Il Valmontone nei 90′ regolamentari è riuscito ad andare in gol con Casagrande e Dota riportando sul pari la sfida tra biancoverdi e rossoblu. Sono stati poi fatali i calci di rigore per i ragazzi del presidente Giuseppe Chianese, amareggiati a fine gara, soprattutto per le limpide occasioni non sfruttate a dovere.

LARIANO – NUOVA ITRI 0-0
Lariano
: Graziani, Luzzi, Fasciani, Pinci, Carbonari, Di Biagio, Mancucci, Dandini, Curione, Moroni, Egidi. A dip.: Pannone, Salvatori, Agrifoglio, Brancaccia, Tartaglia, Brodosi, Salomone.
Nuova Itri: Paduano, Nofi, Spirito Ma., Pelliccia, Patriarca, Calenzo, Palmaccio, Filosa, Lampitelli (20’st Martucci), Mallozzi (35’st Russo A.), Di Sena (40’st Mastroianni). A disp.: Pennacchia, Russo L., D’Acunto, Saccoccio. All.: Caneschi.
Note – ammoniti: Nofi (N), Pinci (L), Di Biagio (L), Dandini (L).
Dopo la vittoria per 2-1 ottenuta nel match di andata, alla Nuova Itri bastava un pari per assicurarsi il passaggio del turno. Detto fatto. A Lariano è finita 0-0, risultato che rappresenta una fotografia perfetta di quanto si è visto in campo. Nella prima frazione di gioco, i padroni di casa hanno gestito il comando delle operazioni nel tentativo di trovare il gol necessario a spostare verso di loro l’ago della qualificazione, ma l’occasione più ghiotta è capitata sul piede di Lampitelli che al 25′ ha colpito il palo a portiere battuto. Nella ripresa, la truppa di Mario Caneschi ha gestito il match, soffrendo soltanto nelle battute conclusive.

Annunziata, D’Arpino, Di Cesare, Iannotta e Terenzi

Lascia un commento