Parte prima – Brilla il Gaeta di Torrisi

Settimana di grandi chiacchiere qui al Bar dello Sport. Come precedentemente annunciato infatti è stata inaugurata la nuova sala del Bar che si occuperà di Prima e Seconda. Rimane però l’attenzone sulle altre con mister Facci che si conquista i primi applausi della sua carriera da mister. Applausi incoraggianti questi dato che una vittoria non 

Leggi tutto

progetto-bar-dello-sportSettimana di grandi chiacchiere qui al Bar dello Sport. Come precedentemente annunciato infatti è stata inaugurata la nuova sala del Bar che si occuperà di Prima e Seconda. Rimane però l’attenzone sulle altre con mister Facci che si conquista i primi applausi della sua carriera da mister. Applausi incoraggianti questi dato che una vittoria non ti cambia una stagione ma di certo ti da morale per continuare a lavorare. Lavoro che sta dando i suoi frutti al Gaeta, vittorioso con la capolista, e alla Pro Calcio (tre punt nel derby). Tra un caffè e una sambuca si sentono sempre chiacchiere negative su Cisterna e Terracina, sempre in fondo alla classifica dell’Eccellenza. Non è in fondo ma non va di certo bene la Vis Sezze Setina in promozione e l’Aprilia in serie D.

CHI SALE…

mister-facciIl nuovo 4-2-3-1 di Facci da buoni segnali
Il suo primo obiettivo era ritrovare la vittoria e ci è riuscito. Il secondo era di dare un gioco vivace e lì c’è riuscito per i primi venti minuti. Il terzo di non soffrire più in mezzo al campo in fase di non possesso e lì ancora c’è da lavorare però la prima settimana di lavoro di Mauro Facci può decisamente essere positiva. Il nuovo schema nerazzurro esalta le caratteristiche di Ricciardi e Cinelli (a patto che quest’ultimo si sacrifichi sempre) mentre in mezzo Giacinti deve ancora trovare la sua posizione. Bisogna ancora lavorare sul ripiegamento con la difesa che si è mostrata disattenta in troppe occasioni, causa anche un filtro che non è proprio perfetto.

Fuori la capolista ora il Gaeta fa sul serio
Un inizio di stagione tra alti e bassi. Un solo punto nei due derby ma il Gaeta si è certo ripreso ed è stato propmosso con il massimo dei voti dopo l’ultimo turno di campionato. Il Riciniello infatti ha visto la grande vittoria dei ragazzi di Torrisi  che hanno battuto l’ormai ex capolista Tavolara e si proiettano decisamente con più entusiasmo per il resto del campionato

luca-velletri-pro-calcioPrimo sorriso per la Pro Calcio
Dopo tre anni di continue soddisfazioni, di serie incredibili di vittorie per il primo anno la Pro Calcio risulta una squadra di esseri umani. L’esordio dei fondani in Promozione è stato tutto da dimenticare ma non per questo Velletri si è scoraggiato e nel derby con la Nuova Itri la sua squada ha sfoderato una grande prestazione strappando tre punti fondamentali con altrettanti gol in trasferta.

CHI SCENDE…

barbabella-4Cisterna e Terracina più in basso di così…
Che quest’anno il campionato di Eccellenza potesse essere meno intenso per le pontine si sapeva già in estate ma di certo avere due formazioni in posizione così basse non è stata una cosa preventivata. La Vigor è nel caos dopo che in estate qualcuno aveva sognato una stagione di vertice con gran parte del gruppetto ex Fc rinfoltito da vari ex Gaeta ma così non è stato. Il pari con il Maccarese ha evidenziato grandi problemi per Montarani che si era addirittura dimesso. Diversa situazione in estate per il Terracina che è partito già sapendo di dover soffrire ma i due punti sono comunque pochi e non fanno ben sperare per il futuro di questo campionato con l’incubo retrocessione più che mai vivo.

Vis Sezze Setina così non va
Doveva vincere per salvare la panchina a Scagliarini e così non è stato. Doveva partire bene per poter cominciare da subito la scalata alla vetta e così non è stato. La Vis Sezze Setina fa un buco nell’acqua e continua a perdere terreno dalle proprie rivali e dalle sorprese di questo campionato. Se non si cambia non si va certo lontano in questo modo.

Le Rondinelle si sono perse
Tra le negative non certo per il posto in campionato visto gli obiettivi chiari di salvezza. Così in basso però perchè il gioco spesso è assente ma sopratutto la concentrazione in campo dei giocatori non è massima. Altra partita con il vantaggio in pugno ed altra partita gettata al vento. Stavolta c’era anche la superiorità numerica ad avvantaggiare la squadra di Bindi che ora attende il ritorno di Corsetti per provare a cambiare rotta.

Lascia un commento