Barbabella e Amato, le dichiarazioni dopo il caos

Ancora una volta il calcio ha debordado dai propri confini, diventando violenza. Quanto successo ieri al termine del derby tra Formia e Terracina di Coppa Italia non ha bisogno nemmeno di ulteriori commenti, perchè, ormai, di questi episodi ne abbiamo commentati e ne commenteremo ancora tanti, purtroppo. Quel che possiamo fare, invece, è lasciare la 

Leggi tutto

barbabella21Ancora una volta il calcio ha debordado dai propri confini, diventando violenza. Quanto successo ieri al termine del derby tra Formia e Terracina di Coppa Italia non ha bisogno nemmeno di ulteriori commenti, perchè, ormai, di questi episodi ne abbiamo commentati e ne commenteremo ancora tanti, purtroppo. Quel che possiamo fare, invece, è lasciare la parola ai protagonisti del campo.

BARBABELLA – “La partita si è incattivita dopo il nostro vantaggio – afferma l’allenatore del Terracina, Francesco Barbabella – Questi episodi nel calcio non dovrebbero succedere ma evidentemente le persone fuori regione che vengono a lavorare qui pensano di fare calcio in questo modo. Un episodio che non fa bene alla città di Formia, ma sicuramente tre persone non fanno una città. Di certo non starò qui a raccontarvi i particolari e quindi parlerò soltanto nelle sedi adatte. Credo barbabella2nella giustizia italiana e sono fermamente convinto di andare fino in fondo sia dal punto di vista sportivo che penale. Farò in modo che queste 3 persone non mettano più piede su un campo di calcio”.

AMATO – “Dobbiamo imparare che da qui alla fine del campionato saremo sempre istigati, dovremo essere bravi a non cadere nelle trappole di queste squadre – spiega Sasà Amato – Questi sono episodi che non devono succedere nel calcio. Ora ognuno si prenda le sue responsabilità, anche provocatori e istigatori, perchè è brutto vedere queste cose, fanno male al calcio”.

Marco Iannotta

Lascia un commento