Amendola già nel cuore del Gaeta, Barbabella cerca il suo Terracina

Torna l’appuntamento settimanale col “Bar dello Sport” di Zona Pontina. Tanti gli argomenti trattati ai tavolini, dalla prima vittoria del Gaeta contro il Rieti,  al crollo dell’Aprilia con Corsetti espulso. Alcuni tavolini parlano solo delle triplette di Cocuzzi e Adjei e della pesante sconfitta del Pontinia al Bassiano. Al Bar dello Sport oggi però c’è 

Leggi tutto

progetto-bar-dello-sportTorna l’appuntamento settimanale col “Bar dello Sport” di Zona Pontina. Tanti gli argomenti trattati ai tavolini, dalla prima vittoria del Gaeta contro il Rieti,  al crollo dell’Aprilia con Corsetti espulso. Alcuni tavolini parlano solo delle triplette di Cocuzzi e Adjei e della pesante sconfitta del Pontinia al Bassiano. Al Bar dello Sport oggi però c’è una novità: nuovi tavolini occupati per la Prima e la Seconda categoria che hanno da poco dato il via alla loro stagione. Siedetevi anche voi al “Bar dello Sport”: c’è posto per tutti…

CHI SALE…

Liquidato l’oro di Fondi

Il mister rossoblu è la vera nota lieta della squadra. Ha dovuto lavorare nel buio di una categoria ancora da ufficializzare e con moltissimi giovani per i primi giorni di preparazione. Poi piano piano la rosa è stata completata e lui in corsa ha dovuto imprimere la propria mentalità ai suoi giocatori. Se partendo in ritardo rispetto agli altri si trova a 5 punti in classifica bisogna solo attendere.

amendola1Il baby fenomeno trascina il Gaeta

Forse c’era riuscito Venerelli la scorsa stagione col Latina a far parlare di sè, di un under forte come un senior. A Gaeta quest’anno ci sta riuscendo Alessandro Amendola, attaccante classe 1990, baby fenomeno dell’undici di mister Torrisi. Dopo la rete splendida in semi rovesciata al Latina, il fulmine gaetano ha offerto contro il Rieti una prestazione da calciatore professionista, da fenomeno vero e proprio. Prima rete: Amendola spacca in due la difesa ospite, dolce esterno destro in profondità per Capuozzo che gira in porta. Seconda rete: Amendola punta due uomini, li salta in velocità, crosso sul secondo palo per Marzullo  che di testa fa 2-1. Insomma, l’arma in più del Gaeta sta crescendo giornata dopo giornata e chissà che non possa proprio un under far decollare le ambizioni del club di Magliozzi.

Formia, l’arma letale è tornata!!!

Uscito al 3’ del primo tempo contro l’Artena all’esordio per infortunio, è rientrato al 30’ della ripresa contro il La Lucca. Al “Perrone” Pasquale Ferraro ci ha messo poco più di 8’ per far espoldere la curva Coni. L’ “arma letale” biancoazzurra, che aveva impressionato nel precampionato, ha dimostrato potenza, velocità e tecnica nel terzo gol messo a segno nel finale di gara contro i ciociari. Un gol scacciapensieri per Ferraro che subito dopo si è tolto la maglia ed è andato ad esultare sotto la Coni manco fosse una rete messa a segno all’Old Trafford contro lo United di Sir Alex Ferguson. Un gesto che i tifosi formiani hanno apprezzato molto e che, naturalmente, si augurano di poter rivedere ancora molte volte a cominciare da domenica in trasferta sul campo del Tor Lupara.

Cocuzzi e Adjei, destini opposti

Entrambi hanno messo a segno una tripletta ma i destini degli attaccanti di Bassiano e Formia 1905 sono stati opposti. La tripletta di Cocuzzi ha affondato il Pontinia, mentre quella del colored tirrenico non è bastata ai formiani per evitare il ko nel derby con la Nuova Itri. Chissà, magari Adjei si sarebbe accontentato di segnarne uno solo…

bum-bum-1“Bum Bum” – Carletti, il SS. Pietro e Paolo piace

I biancorossi si presentano alle rivali con una prima mezzora da antologia sul campo del Ferentino. Due gol di Carletti e uno di Viscido, condito da un assist, sono un antipasto davvero succulento delle intenzioni della squadra di Iannotti. Per il resto del menù, ripassare alla prima giornata di campionato.

Santa Rita, la coppa Lazio nel mirino

La squadra di Pinti ha cominciato con il piede giusto la stagione. Vittoria in trasferta ed ora il passaggio del turno da ottenere domenica nel ritorno. Il Santa Rita dello scorso anno ci mise più di qualche mese per ingranare, ora, con pochi innesti, Pinti sembra già aver trovato l’equilibrio della squadra e vuole fare sul serio sin dalle prime giornate.

…E CHI SCENDE!!

Aprilia e Corsetti, già finito l’incantesimo?

Ad Aprilia, leggendo questo titolo sicuramente staranno facendo tutti gli scongiuri. La trasferta di domenica, oltre ad evidenziare una squadra normale (le Rondinelle) ha anche sottolineato come Corsetti possa essere sempre decisivo per la sua squadra. Stavolta il numero nove biancazzurro però si è fatto notare per un rosso (fallo da reazione) che si poteva certamente evitare. Sia la squadra che Corsetti (turn over permettendo) potranno certamente rifarsi nella trasferta di coppa con il Boville, mentre per il campionato il numero nove dovrà starsene in tribuna.

barbabella-2Terracina e Barbabella ancora lontani

Il doppio incontro del Colavolpe sembrava aver aperto uno spiraglio in questa scombussolata stagione tigrotta ma invece il Terracina è ancora in alto mare. Contro la Vis Artena è girato tutto storto e proprio il mister a fine gara ha puntato il dito su qualche giocatore. La rosa potrebbe ancora subire degli scossoni e si deve cominciare a guardare la classifica.

Pontinia, non tutti i mali vengono per nuocere

Inevitabile mettere tra i bassi il Pontinia, uscito dalla trasferta del “Picozzi” di Bassiano con quattro gol sul groppone. Il passivo non deve ingannare però: i ragazzi di Mancini hanno tenuto bene il campo, prima di crollare nell’ultimo quarto d’ora. Dopo due vittorie, una sconfitta può anche essere salutare: aiuta a capire i propri limiti e a guardare la classifica con la giusta prospettiva.

mister-campagnaSermoneta e Olimpia 04, partenza in retromarcia

Forse la Coppa Lazio non rappresentava l’obiettivo stagionale. Certo è che Sermoneta e Olimpia hanno iniziato la loro annata in maniera decisamente negativa. I gialloblu di Campagna sono tornati da Torbellamonaca con tre gol al passivo; stesso risultato per l’Olimpia di Cecconi, con l’aggravante di aver giocato in casa. Se il buongiorno si vede dal mattino…

Lascia un commento