Terracina, qualcosa si muove

La luce in fondo al tunnel. La situazione attuale del Terracina sembrerebbe proprio questa all’indomani del 1-1 contro il Formia. Barbabella, anche se deluso dal pareggio, può prendere spunto da queste due prime uscite per poter lavorare in questa settimana e magari trovare anche la prima vittoria in stagione. I tre punti sarebbero un toccasana 

Leggi tutto

barbabella1La luce in fondo al tunnel. La situazione attuale del Terracina sembrerebbe proprio questa all’indomani del 1-1 contro il Formia. Barbabella, anche se deluso dal pareggio, può prendere spunto da queste due prime uscite per poter lavorare in questa settimana e magari trovare anche la prima vittoria in stagione. I tre punti sarebbero un toccasana per la truppa biancazzurra. Dopo le dimissioni di Del Duca e la fuga di molti giocatori rappresentativi il Terracina si trova già a buon punto per poter cominciare davvero la stagione.

LAVORO MENTALE – Da parte dei giocatori i segnali positivi ci sono tutti ma bisogna assolutamente lavorare sul piano mentale. In due uscite infatti si è evidenziato da subito come la formazione tigrotta non riesca a concretizzare subito le palle gol più nitide e contro il Formia è uscito un 1-1 ma a Colleferro è costato caro con zero punti. Domenica dopo il gol dell’ottimo Macchiusi la squadra ha arrtetrato troppo il baricentro con il Formia che pian piano ne ha approfittato. La strada da percorrere per Barbabella sarà quindi questa cercando l’apporto fondamentale dei suoi senior rimasti in rosa. Tra questi spicca ancora Caligiuri che stavolta ha colpito un palo ma ha dato la vivacità necessaria al reparto avanzato. In mediana D’Amico è la solita garanzia mentre sulle corsie laterali Serapiglia conferma ancora una volta di avere stampati addosso i colori del Terracina. Nonostante il gol anche la coppia difensiva è stata promossa. Barbabella infatti dovrà perfezionare gli automatismi del pacchetto arretrato lavorando su Nardone e Mancone.

Stefano Scala

Lascia un commento