Borelli: “Il mio Priverno può crescere”

La sconfitta con il Roccasecca ha lasciato l’amaro in bocca a Priverno. La formazione lepina è uscita a testa alta dal campo, certa di aver meritato almeno un pareggio. Una squadra che ha iniziato a lavorare da quindici giorni, e questo è un dato da non sottovalutare ai fini di una valutazione su questo collettivo 

Leggi tutto

Mister Giuliano BorelliLa sconfitta con il Roccasecca ha lasciato l’amaro in bocca a Priverno. La formazione lepina è uscita a testa alta dal campo, certa di aver meritato almeno un pareggio. Una squadra che ha iniziato a lavorare da quindici giorni, e questo è un dato da non sottovalutare ai fini di una valutazione su questo collettivo che chiaramente ha bisogno ancora di qualche altro elemento.

PUNITI  SUBITO – “Dobbiamo solo pensare a lavorare intensamente per colmare il più possibile i nostri limiti – dice il tecnico Borelli – Sono soddisfatto per la prova offerta dai ragazzi e amareggiato per il risultato finale, purtroppo siamo stati puniti al nostro primo e unico errore, il calcio è questo. Aggressività e bel gioco, a questo deve ambire il mio Priverno.

OTTIMISMO – “Ma la gara contro il Roccasecca ci ha anche indicato che la strada intrapresa è quella giusta – continua Borelli –  Ora dobbiamo percorrerla con convinzione. Purtroppo abbiamo pagato errori di gioventù che ci possono stare. Siamo stati puniti solo dal risultato”.
Nonostante la falsa partenza, Borelli resta comunque fiducioso per il futuro.

Paolo Annunziata

Lascia un commento