L’amarezza dei tre punti sfumati

Il pareggio con il Gaeta ha portato pareri diversi in casa Fondi. Da un lato c’è la moderata soddisfazione di una neopromossa che riesce a tornare a casa con un buon punto su un campo difficile e in una gara particolarmente sentita, dall’altro si avverte l’amarezza per una vittoria sfumata a pochi minuti dalla fine 

Leggi tutto

pomezia-fondi-foto-biniero-mister-liquidato-fondiIl pareggio con il Gaeta ha portato pareri diversi in casa Fondi. Da un lato c’è la moderata soddisfazione di una neopromossa che riesce a tornare a casa con un buon punto su un campo difficile e in una gara particolarmente sentita, dall’altro si avverte l’amarezza per una vittoria sfumata a pochi minuti dalla fine e che avrebbe certamente motivato ancora di più l’ambiente. Ovviamente una squadra che punta ad un campionato tranquillo sa che deve costruire la maggior parte della propria classifica in casa, ma conquistare i primi tre punti su un campo ostico come il Riciniello avrebbe reso la squadra ancora più consapevole delle proprie potenzialità. I rossoblu di Stefano Liquidato (nella foto di Gianluca Biniero) hanno confermato di non essere ancora al top della condizione fisica e di non aver ancora assimilato a pieno i nuovi schemi del tecnico campano.

PREPARAZIONE IN RITARDO – Non va infatti dimenticato che Branicki e soci hanno iniziato la preparazione con un certo ritardo rispetto alle altre formazioni e che la rosa è stata messa insieme in pochissimo tempo. Tuttavia mister Liquidato sembra ormai aver scelto il proprio undici di base e su quello sta lavorando per migliorare gli schemi di gioco e gli automatismi. Rispetto all’ultima gara di Coppa Italia, infatti, 10 undicesimi della formazione titolare sono stati confermati. L’unica differenza si è vista con l’argentino Formidabile, preferito a Festa. I primi 20′ minuti di gara hanno mostrato chiaramente le difficoltà ad imporre il gioco fin dall’inizio. Il Fondi ha rischiato più volte di sprofondare nella seconda metà del primo tempo, quando il Gaeta è andato ripetutamente vicino al vantaggio.

LA REAZIONE – Nel secondo tempo, invece, la squadra è entrata in campo con un altro piglio e il tridente Tufano-Branicki-Balzano è parso decisamente più ispirato, tanto da arrivare a siglare il gol del vantaggio. Un aspetto su cui Liquidato dovrà lavorare molto è la gestione dei finali di gara. Il pari gaetano è arrivato infatti a 6 minuti dalla fine, sugli sviluppi di un calcio piazzato, e nel finale la squadra di casa ha avuto modo di reclamare anche un calcio di rigore. Distrazioni che una matricola non può e non deve permettersi, anche perché a fine stagione ci si potrebbe trovare a rimpiangere i due punti lasciati al Riciniello. Domenica sarà previsto l’esordio all’Arnale Rosso con il pubblico di casa pronto ad abbracciare per la prima volta stagionale i suoi beniamini

Alessandra Stefanelli

Lascia un commento