Formia, bisogna partire col piede giusto

Tante emozioni in quest’estate, il rischio di sparire dal calcio regionale, le lacrime e le contestazioni dei tifosi ma alla prima giornata di Eccellenza c’è ancora il Formia. Comincia l’avventura di mister Salvatore Amato sulla panchina dei formiani che questa mattina allo stadio «Nicola Perrone» ospitano la Vis Artena allenata dal neo tecnico Carlo Cotroneo 

Leggi tutto

de-santisTante emozioni in quest’estate, il rischio di sparire dal calcio regionale, le lacrime e le contestazioni dei tifosi ma alla prima giornata di Eccellenza c’è ancora il Formia.
Comincia l’avventura di mister Salvatore Amato sulla panchina dei formiani che questa mattina allo stadio «Nicola Perrone» ospitano la Vis Artena allenata dal neo tecnico Carlo Cotroneo che ha preso il posto di Paolo D’Este. Sfida importante per capitan Agostino De Santis (foto Gianluca Biniero) e compagni chiamati subito a cancellare i fantasmi del passato. Una vittoria farebbe bene non solo al morale della squadra ma a tutto l’ambiente biancoazzurro che non vorrebbe ripetere l’avvio disastroso del 2008.

IL NUOVO ATTACCO – Tante le novità in campo per il Formia che quest’anno non potrà più schierare il «principe» Dante Volante passato al Colleferro e Gianluca Simeoli approdato al Sora. Coppia d’attacco che è stata però sostituita degnamente da due pedine fondamentali, stiamo parlando di Enrico Marcucci e di «arma letale» Pasquale Ferraro che in questo precampionato ha sbalordito per la naturalezza con la quale riesce a saltare l’uomo creando così la superiorità numerica.

formia-formazioneCAMBIO DI FORMAZIONE – I biancoazzurri passano al 4-2-3-1 per una formazione che sarà così composta. Tra i pali si giocano il posto da titolare Pastore e Musto con quest’ultimo che sembra il favorito. Al centro della difesa spazio a Di Franco ed Esposito con Fernandez e Mauro sulle corsie laterali. A centrocampo, al fianco dello storico capitano Agostino De Santis, agirà il giovane Marano mentre le tre mezze punte saranno Giuseppe Rosi, Carmine Marzano e Pasquale Ferraro a supporto dell’unica punta Enrico Marcucci.

IL RITORNO AL FRANCIONI – La Vigor Cisterna è impegnata da subito con un impegno su due fronti: affrontare la temibile Real Pomezia e dare risposte confortanti a mister Montarani per questa prima partita “lontano da casa”. Per molti dei giocatori non si tratta certo di un esordio, quello del Francioni, visto il trionfo di pochi mesi fa con l’Fc Latina. “Il Francioni non condizionerà di certo la partita – afferma il tecnico Montarani – certo non poteva capitare inizio peggiore. Conosco molto bene la nostra avversaria e giocano insieme praticamente da anni”. All’appello intanto mancherà solamente Arduini, mentre in avanti si aspetta da subito il timbro di Sannino che aveva chiuso alla grande la sua parentesi al Francioni.

damicoTUTTO IN SALITA – Di pronto in casa Terracina c’è veramente poco in vista dell’esordio in campionato. La settimana più difficile di tutta l’estate potrebbe però concludersi ancora peggio con una sconfitta. Subito il Colleferro sulla strata di Serapiglia e compagni ma Barbabella deve continuare a fare i conti con le assenze. Alla “prima” infatti i biancoazzurri si ritroveranno con una formazione molto giovane. Contando l’addio quasi annunciato di Gatti e quello di Bernardini sono quattro i divorzi importanti per i tigrotti che per questa sfida dovranno sicuramente rispondere a tutte le critiche con una prova di grande orgoglio e determinazione.

Marco Iannotta e Stefano Scala

Lascia un commento