Mister Pinti carica il Santa Rita

«NON ci nascondiamo di certo: il nostro obiettivo è raggiungere la Prima categoria». E’ con questo monito che il Santa Rita di mister Maurizio Pinti ha iniziato lunedì 24 agosto il proprio periodo di preparazione al campionato. Il gruppo dell’anno scorso, con l’aggiunta di qualche giovane prelevato dalla Juniores e da un paio di acquisti 

Leggi tutto

pinti-11«NON ci nascondiamo di certo: il nostro obiettivo è raggiungere la Prima categoria». E’ con questo monito che il Santa Rita di mister Maurizio Pinti ha iniziato lunedì 24 agosto il proprio periodo di preparazione al campionato. Il gruppo dell’anno scorso, con l’aggiunta di qualche giovane prelevato dalla Juniores e da un paio di acquisti mirati (in tutto 23 unità per una rosa ristretta ma ben rodata) ha cominciato a sudare e lavorare sul campo amico di via Bruxelles.

«Abbiamo pensato di puntare sul gruppo dell’anno scorso – spiega Pinti – D’altronde come non potevamo, visto il campionato che abbiamo fatto. Oltre all’ossatura di base, capitanata magistralmente dagli esperti Ciammaruconi, Roma, Mariniello e Nocella, abbiamo deciso di puntellare la rosa con pochi ritocchi ma importanti per rinforzare quelle zone del campo che ritenevo deficitarie, ovvero attacco e centrocampo.

Si spiegano così gli arrivi di Bosone e D’Antoni. Oltre a loro abbiamo prelevato dalla Juniores molti elementi che già tenevamo sott’occhio».
Al gruppo rosanero si sono quindi uniti i giovani: Ugolini, D’Annolfo, Chiabra, Pinti, Di Biasio, Parolin e Cesari, senza contare Salvatore Orefice, forte attaccante fuori per un lungo infortunio che potrà tornare utile magari nel girone di ritorno, quando sarà completamente recuperato. Davvero una rosa di tutto rispetto che si prende di diritto la palma di favorita del prossimo campionato, anche se…«Sarà un campionato molto più difficile dello scorso. Molte squadre anche di bassa fascia si sono rinforzate, senza contare tutte quelle formazioni come Bella Farnia, Latina Scalo e Faiti che puntano dritto dritto alla vittoria del campionato».

Giampiero Terenzi

Lascia un commento