Un inizio tutto da dimenticare

Non è iniziata nel migliore dei modi la stagione del Latina. Infatti a braccetto con l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano dell’Fc Rondinelle arriva anche la tegola Baleello. Il forte difensore centrale si è accasciato a terra al 23′ del primo tempo dopo un contatto con Venerelli e dopo il verdetto della risonanza magnetica dovrà 

Leggi tutto

fc-rondinelle-us-latina-047

Non è iniziata nel migliore dei modi la stagione del Latina. Infatti a braccetto con l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano dell’Fc Rondinelle arriva anche la tegola Baleello. Il forte difensore centrale si è accasciato a terra al 23′ del primo tempo dopo un contatto con Venerelli e dopo il verdetto della risonanza magnetica dovrà stare lontano dai campi di gioco per almeno 6 mesi. Lesione totale del legamento crociato anteriore e lesione parziale del legamento collaterale mediale, con probabile rottura del menisco esterno. Insomma un esordio tutto da dimenticare anche perchè la società nerazzurra dopo il passo falso della “prima” si è già buttata sul mercato.

Dopo il ritorno di Maiorani tra i pali i nerazzurri cercano anche un difensore centrale che possa rimpiazzare Baleello. Le soluzioni interne si chiamano Martone e capitan Facci ma il primo sembra non aver convinto mister Sibilia e potrebbe già essere con le valigie pronte e così i soli Mariniello e Facci sarebbero troppo soli in mezzo alla difesa. Previsti forse anche altri tagli in rosa e un nodo da risolvere legato al centrocampo. Senza Masini (accasatosi al Sora in queste ore dopo un lungo corteggiamento) e appunto con la posizione di Martone in dubbio resta da trovare un centrocampista che affianchi Salvagno. La prestazione dell’esordio di Festa non ha convinto (da una sua palle persa è nato il 2-0 di Corsetti) e non ha saputo fare di meglio nemmeno Caputi. Insomma per il Latina ancora cantieri aperti e forse l’unica certezza arriva dal reparto offensivo dove Majella ha subito mostrato la sua fame da gol.

Nella foto di Gianluca Biniero Cinelli contrastato da Eramo

Stefano Scala

Lascia un commento