Finchè c’è ripescaggio c’è speranza

Poco meno di due mesi all’inizio dei campionati di Prima e Seconda categoria ma di certezze finora se ne hanno davvero poche. Le preparazioni partiranno tutte verso la fine del mese (tranne il Montello che inizierà prima per disputare due importanti memorial). Il nodo che tiene tutti in sospeso è quello legato ai ripescaggi. Erano 

Leggi tutto

luceriPoco meno di due mesi all’inizio dei campionati di Prima e Seconda categoria ma di certezze finora se ne hanno davvero poche. Le preparazioni partiranno tutte verso la fine del mese (tranne il Montello che inizierà prima per disputare due importanti memorial). Il nodo che tiene tutti in sospeso è quello legato ai ripescaggi. Erano attesi la scorsa settimana ma nessuno, società comprese, è arrivato ad una conclusione coerente sulle motivazioni di questi ritardi.

Le voci che girano arrivano dall’alto: oltre al Formia c’è ancora qualche squadra che dà qualche grattacapo in Federazione e se non si risolvono questi problemi difficilmente le categorie inferiori potranno sbloccarsi. Questo diventa un bel problema per chi è in attesa anche se non tutte sono bloccate sul mercato. Ci sono società come Borgo Flora (nell’attesa della Promozione) e Latina Scalo Cimil (sperando nella Prima categoria) che hanno già cominciato i loro movimenti. Segnali di netto ottimismo per queste società che si augurano vivamente di poter essere ripescate, avendo le carte in regola.

Ogni estate infatti la speranza di un ripescaggio unisce molte società, anche le più impensabili. Questo porta a molti accordi con parecchi giocatori che restano tutti solo ed esclusivamente sulla parola tenendo in stand by il solito domino che si scatena con qualche cessione o ingaggio di categoria. Questi sono i problemi principali per chi è retrocesso e spera di potersi giocare nuovamente la stessa categoria. Per queste squadre sono vivissimi gli accordi verbali, quei classici “se vi ripescano sicuro giocherò con voi” che però sono sempre da mettere nero su bianco perchè magari nel frattempo c’è qualcuno che ha saputo offrire qualcosa in più. Nei ripescaggi i direttori sportivi hanno poco potere perchè anche se anticipano qualche concorrente poi sono costretti ad attendere invano la decisione dalla Federazione. L’attesa è tanta ma tra oggi e domani potrebbe sbloccarsi tutto.

Dopo esser andati a vuoto ogni giorno della scorsa settimana ora non si può sbagliare. Parlando e discutendo sulle possibili favorite nei ripescaggi forse sono già finiti nel dimenticatoio due importanti forfait. Si tratta del Maenza in Prima e della Virtus Cisterna in Seconda. La formazione di Marchetti si era riuscita a salvare in extremis nella passata stagione ma il presidente, trovatosi solo, ha dovuto alzara bandiera bianca. Un vero peccato soprattutto dopo la stagione trionfale rossoblu nel campionato di Seconda due anni fa, dominando il campionato.

giordaniDiverso il discorso invece per la squadra cisternese che aveva ben figurato nel campionato di Seconda nonostante le difficoltà della rosa. La loro scomparsa è strettamente legata a quel discorso della Vigor Cisterna, neonata società di Eccellenza. La Virtus resterà con il suo settore giovanile ma la prima squadra non si è iscritta al campionato. Legato a questo forse il ritiro di due colonne importantissime della squadra, il capitano e bomber Giordani e l’inossidabile Poli nelle retrovie.

Lascia un commento