II^ categoria N – Il Bella Farnia pensa in grande

Nemmeno il tempo di smaltire la scorpacciata di gioia per la salvezza ottenuta domenica scorsa, che il Bella Farnia si è già messo a lavoro per progettare al meglio la prossima stagione. Un successo, quello ottenuto domenica contro il Sales al termine di una partita stoica vinta solo ai calci di rigore, che ha dato 

Leggi tutto

b-farnNemmeno il tempo di smaltire la scorpacciata di gioia per la salvezza ottenuta domenica scorsa, che il Bella Farnia si è già messo a lavoro per progettare al meglio la prossima stagione. Un successo, quello ottenuto domenica contro il Sales al termine di una partita stoica vinta solo ai calci di rigore, che ha dato gli stimoli che servivano all’ambiente biancoverde per gettarsi a capofitto sul mercato e tentare di costruire una rosa di giocatori in grado di primeggiare nel prossimo campionato. Ma, prima, il presidente Pierluigi Barbon vuole tornare sulla stagione appena archiviata che ha visto il suo Bella Farnia soffrire le fatidiche sette camicie per ottenere la permanenza in Seconda categoria: «Eravamo partiti con ben altre prospettive – spiega il patron biancoverde – Poi ci si è messa la sfortuna. Siamo arrivati alla fine del campionato con la metà della birra in corpo, lo dimostrano le ultime partite e anche lo spareggio: avevamo nelle gambe un tempo solo. Per fortuna che abbiamo stretto i denti portando a casa un risultato che per noi equivale alla vittoria di un campionato. Penso che la Coppa Lazio in questo senso abbia influito molto, in negativo, sull’andamento della nostra stagione. Abbiamo dovuto cominciare la preparazione in netto anticipo rispetto alle altre squadre, senza contare che proprio in Coppa Lazio abbiamo subito degli infortuni pesanti, con giocatori importanti rimasti fermi per 3-4 mesi di fila».
Ma ora che l’annata storta del Bella Farnia è stata archiviata, si può pensare all’immediato futuro con rinnovato entusiasmo. Il primo tassello da definire è la questione allenatore. In pole position, naturalmente, c’è Claudio Orsini, artefice di una promozione dalla Terza categoria e di una sofferta salvezza quest’anno. La conferma sembra cosa fatta, per una stagione ancora alla guida dei tirrenici. «Mister Orsini resterà al 90% – spiega Barbon – Il 10% mancante dipende esclusivamente da alcuni accordi di cui dovremmo ancora discutere. Da parte della società c’è la volontà della conferma, ora attendiamo la decisione del mister che arriverà sicuramente nei prossimi giorni». Ma le novità più grandi proverranno soprattutto dal mercato dei giocatori, come anticipato dallo stesso presidente al termine della partita contro il Sales Latina di domenica: «L’intenzione è di cambiare almeno la metà della rosa. Abbiamo contatti con molti giocatori. Per ora non posso sbilanciarmi sui nomi, ma almeno con 7-8 sembra cosa fatta. Sono tutti giocatori che provengono da una categoria superiore, nella fattispecie dal San Michele che vorrà fare un campionato di vertice in Prima categoria. Quei ragazzi che non rientreranno più nei piani del presidente Rinaldi saremo lieti di accoglierli, soprattutto grazie all’intercessione del nostro direttore sportivo Simone Vona. L’obiettivo è quello di disputare un campionato di vertice e di terminare la stagione almeno nelle prime cinque posizioni di classifica». Intanto al «Nalli» è arrivato il primo colpo di mercato certo. Si tratta del forte laterale di centrocampo, Marco Simone, l’anno scorso in forza al Tre Cancelli.
Gianpiero Terenzi

Lascia un commento