Seconda categoria O – Roccagorga e Santa Croce fanno il loro dovere, sarà spareggio

E spareggio sia. Il girone «O» di Seconda categoria 2008/2009 dovrà stabilire il proprio vincitore tramite lo spareggio che vedrà impegnate Roccagorga e Santa Croce. Un epilogo degno di una stagione avvincente, nella quale tre squadre (oltre a rossoneri e tirrenici anche la Virtus Pontinia) si sono date battaglia fino all’ultimo minuto dell’ultima partita per 

Leggi tutto

tramentozziE spareggio sia. Il girone «O» di Seconda categoria 2008/2009 dovrà stabilire il proprio vincitore tramite lo spareggio che vedrà impegnate Roccagorga e Santa Croce. Un epilogo degno di una stagione avvincente, nella quale tre squadre (oltre a rossoneri e tirrenici anche la Virtus Pontinia) si sono date battaglia fino all’ultimo minuto dell’ultima partita per aggiudicarsi il titolo. Il Roccagorga ha cullato fino a pochi minuti dal termine del match col Roccasecca il sogno di vincere il campionato ma poi il gol di Pastore ha regalato la vittoria al Santa Croce, decretando così ufficialmente lo spareggio.

La sfida con il Roccasecca Prossedi, già retrocesso, non è mai stata in discussione. A sbloccare il risultato è stato Fabio Palluzzi, capocannoniere del girone con ventitre centri, al minuto dodici. Poi, a metà primo tempo, la zuccata di Alessandro Guspini ha chiuso di fatto il match. Nella ripresa c’è stato spazio anche per le reti di capitan Tramentozzi e Aronne che hanno messo la ciliegina sulla torta della vittoria rossonera.

Tanta felicità nelle parole del tecnico lepino, Ubaldo Stefanini: «Arrivare primi in un campionato così serrato è davvero una grande soddisfazione. Fa piacere soprattutto vedere come un’intera comunità si sia stretta attorno a questa squadra e l’abbia incitata fino a condurla a questo grande traguardo. Anche oggi il «Romolo Orsini» era pieno e se la gente di Roccagorga è tornata a riaffollare il campo il merito è senz’altro della società che ha saputo lavorare con grande meticolosità. A livello personale, è una grande gioia vincere questo campionato avendo schierato così tanti giovani del nostro vivaio. La mia dedica speciale va senz’altro a mio cognato, morto durante il campionato».

IL TABELLINO

ROCCAGORGA – ROCCASECCA PROSSEDI 4-0

Roccagorga: Di Raimo (25’st Orsini), Bonanni G., Romanzi, Orsini F., Gerotto( 40’st Guspini A.), Bonanni A. (5’st Mazzocchi ), Fusco, Tramentozzi, Palluzzi, Aronne. A disp.: Iaconelli, Cammarone, Iafrate. All.: Rossi (Stefanini squalificato).

Roccasecca Prossedi: Mirandola, Brusca, Nasiri (35’ st Chieffallo), Di Giorgio, Pincivero, Giovannelli R., Paris (20’st Giovannelli O.), Reali, Bianchi (10’st Berardi), Marroni, Suprano. A disp.: Albanese, Delle Palme. All .: Mattoni.

Marcatori: 12’ Palluzzi, 26’ Guspini A., 4’st Tramentozzi, 40’st Aronne

 

mister-sessaREAL SONNINO – SANTA CROCE 1-2

Real Sonnino: Grenga A., Grossi S., Paparelli, Parisella, Celani, Paglia, De Angelis G., De Angelis V., Condello, Menichelli, Grossi L. A disp.: Casale, Reggio. All.: Lorenzo Magnarelli.

Santa Croce: Palmieri, Doglioso, Nortini, Ruggiero (10’st Lettieri), Passaretti, Del Vecchio, Pieroncini, Campanile, Sorreca, Riccardi (25’st D’Onofrio), Pastore (30’st Capraro), Carpino, Forlani. A disp.: Camillo, Zuccheroso. All.: Polidoro.

Marcatori: 20’ (rig.) De Angelis G., 15’st (rig.) Forlani, 25’st Pastore

Missione compiuta per il Santa Croce che espugna il «San Bernardino» di Sonnino e si guadagna lo spareggio per il titolo con il Roccagorga. Ma quanta fatica hanno dovuto fare gli uomini di Sessa prima di avere ragione di un Real Sonnino che ha avuto la forza di giocarsela fino in fondo senza mai arretrare di un millimetro. I ragazzi di Magnarelli hanno sfiorato il colpaccio ma poi si sono arresi alla maggiore necessità di punti dell’undici biancoblu.

La partenza sprint del Real Sonnino sorprende il Santa Croce che forse si aspettava meno combattività dall’undici gialloblu, ormai fuori dalla lotta per la Coppa Lazio. La supremazia dei padroni di casa viene legittimata al minuto venti quando l’arbitro vede il classico fallo di confusione e concede il penalty a favore dei ragazzi di Magnarelli. Dal dischetto Giuseppe De Angelis non sbaglia e porta avanti il Real.

Il gol gela il Santa Croce che per tutto il primo tempo non riesce a scrollarsi di dosso la tensione. Gli ospiti provano a tenere in mano il pallino del gioco ma senza mai rendersi pericolosi. Al rientro dagli spogliatoi però cambia tutto. I ragazzi di Sessa capiscono che devono provare il tutto per tutto e cingono d’assedio la metà campo gialloblu. L’episodio che cambia volto alla gara avviene dopo un’ora di gioco: Riccardi entra in area e un difensore di casa, nel tentativo di opporsi in scivolata alla conclusione del fantasista tirrenico, colpisce il pallone con la mano. Rigore trasformato da Forlani e situazione di nuovo in parità.

La gara diventa un assedio e dieci minuti più tardi è Pastore a far esplodere la gioia dei sostenitori ospiti. La mezza punta biancoblu, vero valore aggiunto per il Santa Croce nell’ultimo mese e mezzo di campionato, colpisce al volo dal limite e manda dritti i tirrenici allo spareggio per il titolo.

Logica la soddisfazione del mister del Santa Croce, Francesco Sessa: «Abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati ad inizio campionato e cioè quello di chiudere il campionato in testa. Così è stato ed ora andremo a giocarci questo spareggio con il Roccagorga con grande serenità e con la consapevolezza che, con ogni probabilità, anche la seconda classificata verrà ripescata in Prima categoria».

Davide Di Cesare

Lascia un commento