II categoria N – La festa del Montello nelle parole dei protagonisti

Montello ritrova il calcio che conta. Domenica è stata la festa di un borgo intero, la festa dell’ “Oscar Zonzin”, abituato a ben altri palcoscenici negli anni passati. La gioia per la promozione in Prima categoria, ottenuta con una giornata di anticipo grazie alla vittoria per 2-0 sul Tre Cancelli, non è ancora scemata, com’è 

Leggi tutto

zp2Montello ritrova il calcio che conta. Domenica è stata la festa di un borgo intero, la festa dell’ “Oscar Zonzin”, abituato a ben altri palcoscenici negli anni passati. La gioia per la promozione in Prima categoria, ottenuta con una giornata di anticipo grazie alla vittoria per 2-0 sul Tre Cancelli, non è ancora scemata, com’è comprensibile. A dar voce alla felicità di un gruppo di giocatori, maggiori artefici insieme a mister Gianluca Campo di questa seconda scalata consecutiva, sono proprio due dei protagonisti dell’ultima, decisiva, domenica. Una domenica cha sarà ricordata a lungo in casa biancoblu:

Credo davvero che sia stata scritta una pagina storica per quanto riguarda noi e per quanto riguarda il calcio di questo borgo – queste le prime parole di Rigoni, capitano del Montello e autore del gol che, domenica, ha dato la matematica certezza ai suoi quei tre punti dal forte sapore di Prima categoria – Per me è stata una grande soddisfazione a coronamento di una stagione difficile. Siglare il 2-0 in una partita così intricata era davvero fondamentale. Il Tre Cancelli, infatti, era venuto qui per giocarsi le proprie carte, giustemente, e così è stato. Ci hanno fatto sudare un bel pò, ma poi siamo venuti fuori bene alla distanza. Un plauso a loro che sono stati molto sportivi e corretti, penso che l’anno prossimo potranno disputare un campionato addirittura migliore di quello di quest’anno. Per quanto ci riguarda, invece, c’è da parlare di una vittoria voluta sin dalla prima giornata di campionato. Un successo frutto del lavoro e del grande affiatamento di questo gruppo fantastico di giocatori. Ci sono stati dei momenti difficili, come all’inizio di campionato, quando non riuscivamo ad ottenere continuità nei risultati. Poi, alla lunga, siamo venuti fuori e dopo la recente sconfitta con la Virtus Cisterna, mentre tutti pensavano che fossimo spacciati, ci siamo compattati ancora di più: è lì che ho capito che avremmo vinto il campionato“.

zp1Marco Fiorvanti, altro grande protagonista della spettacolare annata dei biancoblu, fa eco al proprio capitano: “L’innesto di qualche giovane di talento rispetto alla rosa della passata stagione penso che ci abbia fatto fare il decisivo salto di qualità. Abbiamo sempre creduto nei nostri mezzi e col tempo siamo riusciti anche a trovare la giusta quadratura del cerchio. Ci abbiamo messo quasi metà campionato per racimolare qualche risultato utile consecutivo, ma poi è stato davvero difficile per tutti fermarci. E’ solo grazie a questo gruppo splendito se siamo riusciti ad ottenere una promozione storia. Grazie, dunque, a tutti i miei compagni e grazie ai tifosi, con una dedica particolare a mia figlia“.

Lascia un commento