L’Angolo del D’Arp- Tributo ai vincitori… ma onore ai vinti

Tributo ai vincitori, ma anche onori a vinti. Avevamo già anticipato tutto due settimane fa, ma è doveroso parlarne di nuovo perché adesso è ufficiale: la Pro Calcio Fondi si è aggiudicata il titolo 2008/09 del girone G del campionato di Prima Categoria. L’undici di Luca Velletri ha raggiunto l’obiettivo finale travolgendo con un netto 

Leggi tutto

darpi-274x3001Tributo ai vincitori, ma anche onori a vinti. Avevamo già anticipato tutto due settimane fa, ma è doveroso parlarne di nuovo perché adesso è ufficiale: la Pro Calcio Fondi si è aggiudicata il titolo 2008/09 del girone G del campionato di Prima Categoria. L’undici di Luca Velletri ha raggiunto l’obiettivo finale travolgendo con un netto 7-0 il già retrocesso Latina Scalo: in quest’ultimo turno sono andati a segno molti dei protagonisti di questa entusiasmante cavalcata. Domenica, il primo a mettere il pallone in fondo al sacco è stato il più piccolo dei fratelli Triolo, Massimiliano, poi Ferrara ha raddoppiato con una gran botta dalla distanza: il centrocampista ha soltanto anticipato di qualche minuto il compagno di reparto Di Biasio, con cui forma la migliore coppia di centrocampisti centrale del campionato. Il regista fondano, nella ripresa, è andato a segno con due realizzazioni fantastiche (tiro al volo sugli sviluppi di un corner e pallonetto da centrocampo). Oltre alla firma di Aureliano Triolo, poi non poteva certo mancare il sigillo della migliore coppia-gol del campionato, vale a dire il duo Vecchio-Sorrentino: i due attaccanti agli ordini di mister Velletri (che domenica ha potuto festeggiare la sua terza promozione consecutiva nel giro di tre anni) hanno finora messo a segno 34 dei 78 gol totali realizzati dalla squadra.

Ventinove domeniche, dunque, per assicurarsi il salto in Promozione: lo abbiamo già detto e scritto in più di un’occasione, per come è andato il campionato di quest’anno ci sarebbero voluti due titoli perché sia la Pro Calcio sia l’Atletico Sabotino avrebbero meritato di vincerlo.

Tuttavia, i biancoblu sono stati i più costanti per tutto l’arco del torneo, hanno espresso un calcio molto offensivo e di ottima qualità e, più di ogni altro, hanno dimostrato una grinta, un carattere e una «fame» di vittorie superiori alla media. Tra i tanti numeri che potremo citare per descrivere il successo dei fondani, ne scegliamo uno soltanto che forse meglio di ogni altro rende l’idea: 19. Tante infatti sono state le giornate consecutive (dall’undicesima alla trentesima) che la Pro Calcio ha trascorso solitaria in testa al campionato, a volte con ampio margine sugli inseguitori, a volte con una distanza minima. E domenica prossima scontro finale proprio con il Sabotino: quella dell’«Andriollo» sarà una vera e propria passerella tra le squadre più forti del girone G che (speriamo) saluteranno il campionato con uno spettacolo all’altezza di quella che è stata la straordinaria stagione disputata da entrambe.

Anche sui biancoverdi tanto è stato detto e tanto è stato scritto, ma a prescindere dall’esito finale, anche in questo caso non ci si può certo mettere a discutere sulla bontà del campionato disputato: nel girone di ritorno, l’Atletico Sabotino ha conquistato gli stessi punti della Pro Calcio (34), attualmente è la migliore difesa del campionato e per finire ha in squadra anche il capocannoniere del torneo, vale a dire Gianluca Viscido che guida la classifica marcatori a quota 21. Semmai, l’unico motivo di rammarico per i ragazzi di Danilo Micheletti è rappresentato dal rendimento tenuto nella prima parte della stagione, durante la quale la manovra stentava a decollare, la squadra sembrava più un agglomerato di individualità piuttosto che una fronte unito e compatto e soprattutto c’era più di qualche elemento della rosa che era necessario (come poi è stato fatto) rimpiazzare. Alla fine la differenza, l’hanno fatta proprio i punti di ritardo accumulati nel corso del girone di andata.
Ora, però Pro Calcio e Atletico Sabotino dovranno cominciare a pianificare la prossima stagione: i presidente Bongiovanni e Spolon, siamo certi che non lesineranno sforzi per cercare di ripetere anche in Promozione quanto fatto quest’anno.

Simone D’Arpino

Lascia un commento