II categoria O – Santa Croce e Roccagorga verso lo spareggio, a Sonnino il derby finisce senza reti

Pioggia di reti a Castelforte dove il Santa Croce saluta il proprio pubblico con una spettacolare vittoria ai danni del Real Vallemarina e festeggia il primato in classifica in coabitazione con il Roccagorga. A questo punto, immaginare uno spareggio per definire la vincitrice del girone O di Seconda categoria non pare più un’illusione. I ragazzi 

Leggi tutto

mister-sessaPioggia di reti a Castelforte dove il Santa Croce saluta il proprio pubblico con una spettacolare vittoria ai danni del Real Vallemarina e festeggia il primato in classifica in coabitazione con il Roccagorga.

A questo punto, immaginare uno spareggio per definire la vincitrice del girone O di Seconda categoria non pare più un’illusione. I ragazzi di Sessa andranno a far visita ad un Real Sonnino ormai fuori da ogni discorso in chiave Coppa Lazio, mentre i rossoneri di Stefanini ospiteranno il fanalino di coda Roccasecca Prossedi. Una probabilissima vittoria di entrambe le squadre porterebbe le due formazioni a concludere il campionato a quota 63 ed a giocarsi il titolo in uno spareggio che si preannuncia rovente. Fermo restando però che con ogni probabilità anche la seconda classificata verrà ripescata in Prima categoria, visto il buon numero di punti ottenuto durante il campionato.

La partita col Vallemarina però non è stata delle più semplici per i tirrenici: ci è voluto un super Pastore, autore di un clamoroso poker, per piegare la resistenza del coraggioso undici di Fabio Di Vezza che ha avuto la forza di raggiungere i padroni di casa per ben due volte nel primo tempo grazie alle reti di Gaetano Colantuono e Cappiello per poi soccombere al maggior tasso tecnico dei biancoblu. Le segnature che hanno fissato il risultato sul 6-3 sono state dei fratelli Forlani (Alessandro e Paolo) per il Santa Croce e di Marco Trani per il Real Vallemarina.

Il ko di Castelforte e il contemporaneo pari del Campodimele non consentono ancora al Real Vallemarina di festeggiare la matematica salvezza. I punti di vantaggio dell’undici rossoblu sul terzultimo posto si sono ora ridotti a tre. Basterà quindi un pari nell’ultimo impegno casalingo con lo Sperlonga alla formazione di Di Vezza per festeggiare una sudata ma tutto sommato meritata salvezza.

IL TABELLINO

SANTA CROCE – REAL VALLEMARINA 6-3

 

Santa Croce: Palmieri, Passaretti, Nortini (40’st Forlani P.), Ruggiero (25’st Capraro), Pieroncini, Campanile, Sorreca, Riccardi (20’st D’Onofrio), Pastore, Carpino, Forlani A. A disp.: Camillo, Del Vecchio. All.: Polidoro.

Real Vallemarina: Altobelli, Colantuono G. (15’st Zannella), Iacovacci, Di Vezza, Tarquinio, Renzi, Macchiusi A., La Rocca, Trani, Cappiello, Polverino. All.: Fabio Di Vezza.

Marcatori: 13’pt, 22’pt, 45’pt e 20’st Pastore, 16’ Colantuono G., 28’ Cappiello, 24’st Trani, 27’st Forlani A., 48’st Forlani P.

 

LE ALTRE PARTITE DEL GIRONE O

 

MONTENERO – ROCCAGORGA 1-5

Montenero: Feudi, De Cupis, Fucci, Dosio, Aquino, Teresi, Calisi, Sortino, Maragoni, Belprato, Capponi. A disp.: Malandrin, Aufiero, Mancini, Martinelli, Pompili, D’Alessandro, Ross. All.: Vinciguerra.

Roccagorga: Di Raimo, Bonanni G., Romanzi, Orsini F., Gerotto, Iaconelli, Mazzocchi (44’Bonanni A.), Fusco, Tramentozzi (30’st Ciotti), Palluzzi (20’st Martella), Cammarone. A disp.: Orsini, Nardacci, Guspini, Basilico. All.: Stefanini.

Marcatori: 16’ Palluzzi, 1’st e 20’st Tramentozzi, 10’st Bonanni A., 30’st Fusco, 40’st Calisi

Note – Espulsi Fucci al 20’, Dosio al 10’st, Martinelli dalla panchina e il tecnico Stefanini.

fuscoUn Roccagorga incontenibile si sbarazza del Montenero e rimane in vetta insieme al Santa Croce. A questo punto, basterà un successo in casa con il Roccasecca Prossedi ai rossoneri per garantirsi almeno lo spareggio per il titolo. Ultima giornata di campionato alla quale non potrà partecipare il tecnico lepino, Ubaldo Stefanini, espulso nella gara di ieri, a testimonianza di un match molto nervoso. I padroni di casa sono rimasti presto in dieci per il rosso comminato a Fucci al 20′. A quel punto la sfida, che già vedeva i rossoneri in vantaggio per effetto del ventiduesimo centro stagionale di Fabio Palluzzi, ha preso decisamente la via di Roccagorga. Nella ripresa i lepini hanno dilagato, complice un Montenero rimasto in nove per l’espulsione inflitta a Dosio. La doppietta di Tramentozzi e i sigilli di Antonio Bonanni e Fusco hanno reso il passivo pesantissimo per i padroni di casa, prima che Calisi, nel finale, rendesse meno amara la sconfitta del Montenero siglando il gol della bandiera.

 

SONNINO – REAL SONNINO 0-0

Sonnino: Bernardini V., Madeccia, Tramentozzi Marco, Tramentozzi A., Capodiferro, Iacovacci, Bernardini G., Merluzzi, Tramentozzi Michele (1’st De Gregoris), Tocci (35’st Ippoliti), De Angelis. A disp.: Tramentozzi P., Di Micco, Celani M., Rossetti, Celani F. All.: Cantagalli.

Real Sonnino: Reggio, Ippoliti (5’st Pietricola), Parisella (40’st De Angelis V.), Sacchetti, Celani, Grossi L., De Angelis G., Grossi S., Condello, Menichelli S., Verdone M. (45’st Paparelli ). A disp.: Mandatori, Cantagalli, Fanti, Paglia. All.: Lorenzo Magnarelli.

Arbitro: Lombardo di Latina

Dopo i fuochi d’artificio della gara d’andata, il derby di Sonnino non regala le stesse emozioni nel match di ritorno. Al «San Bernardino» finisce 0-0 la stracittadina tra la Polisportiva di Cantagalli e il Real guidato da Lorenzo Magnarelli. La situazione di classifica, che vedeva il solo undici gialloblu ancora impegnato per un obiettivo (la Coppa Lazio), ha fatto si che ne scaturisse comunque un match divertente e giocato a viso aperto dai ventidue in campo: alla fine però, di vere occasioni da rete se ne sono viste poche. E’ finita quindi con un pari che serve poco al Real Sonnino, ormai fuori dai giochi per un posto nella Coppa Lazio dell’anno prossimo. I ragazzi di Magnarelli però saranno comunque chiamati ad onorare nel migliore dei modi il campionato quando, all’ultima giornata, ospiteranno tra le mura amiche del «San Bernardino» il Santa Croce ancora impegnato nella lotta per il titolo di seconda categoria.

 

CAMPODIMELE – VIRTUS PONTINIA 1-1

Campodimele: Zannella, Maffei A., Di Biase, Quinto, Fidaleo, Pannozzo, Maffei G., Savelli, Ialongo, Carnevale, Mazziotti. A disp.: Pecchia, Coledanchise, Faiola, Zuena. All.: De Meo.

Virtus Pontinia: Sist, Donnarumma (26’st Buongiorno), Pietricola, Palluzzi (15’st Ranellucci), Zomparelli, Esposito, Sugamosto, Isotton, Coco (10’st Francescato), Severini, Guzzon. All.: Ceccarelli.

Marcatori: 2’st Severini, 36’st (rig.) Carnevale

Domenica amarissima per la Virtus Pontinia che si fa raggiungere nel finale dal Campodimele e di fatto dice addio ai sogni di gloria. Solo la matematica regala ancora qualche speranza ai biancoblu che nell’ultima giornata dovranno vincere con il Montenero e poi sperare in una improbabile doppia sconfitta di Roccagorga e Santa Croce per operare l’aggancio e giocarsela con il criterio della classifica avulsa. Il pari invece consente al Campodimele di mantenere accesso il lumicino della speranza della salvezza. E’ Carnevale a siglare dal dischetto (rigore concesso per fallo di Pietricola) l’1-1 che porta gli uomini di De Meo a tre punti dal Real Vallemarina. A Savelli e compagni servirà un successo a Gianola nell’ultimo turno e una contemporanea sconfitta del Vallemarina per agganciare i rossoblu e giocarsi tutto in un eventuale spareggio. Tanta delusione invece in casa Virtus Pontinia per un’annata disputata ai vertici e nella quale è mancato il colpo del ko nel finale di stagione per rimanere agganciati a Roccagorga e Santa Croce. A nulla è valso il momentaneo vantaggio ad inizio ripresa firmato Severini, al diciassettesimo sigillo di un campionato da incorniciare.

DON BOSCO GAETA – GIANOLA 6-0

Don Bosco Gaeta: Leboffe (29’st De Carolis), Di Tucci, De Santis, D’Amante F. (23’st Fantasia), D’Onofrio, Toscano, Schiano, Ortenzi (21’st Carriere), Di Giacomo, D’Amante A., Santangelo. A disp.: Bartolomeo, Magnatti, Mancini, Evangelista. All.: Galiano.

Gianola: Di Maio, Colarullo, Zangrillo, Viviani, Mallozzi, Coppola, Campanale, Liberace, Guarino, Vecchio, De Santis. All.: Cardillo.

Marcatori: 43’ Santangelo, 3’st, 20’st e 28’st  Di Giacomo, 29’st Schiano, 37’st D’Amante A.

Don Bosco Gaeta con un piede in Coppa Lazio. E’ questa la morale della storia dopo la sfida con il Gianola, terminata con un perentorio 6-0 in favore dei ragazzi di Galiano. Agli oratoriali basterà attendere la decisione del Giudice Sportivo che, con ogni probabilità, darà partita persa al Penitro con il Marina Club per poter festeggiare la qualificazione alla massima competizione regionale del prossimo anno. A Gaeta la gara dura solo un tempo: la Don Bosco, infatti, va al riposo avanti di una sola rete per effetto del centro di Santangelo. Nella ripresa poi, gli oratoriali si scatenano su un Gianola già retrocesso e arrivato a Gaeta con undici uomini contati. Di Giacomo firma una tripletta, arrivando così a quota dodici gol stagionali, e poi arrotondano Schiano e Andrea D’Amante, giunto al decimo centro in campionato. La Don Bosco Gaeta così si prende anche lo scettro di attacco più prolifico del girone O.
 
SPERLONGA – VIRTUS LENOLA 4-0

Sperlonga: Gionta, Parisella, Ilario, Cardogna (25’st Guglietta), Stravato, Mirabello, Di Trocchio (30’st Trani), Mangoni, Ruscitto, La Rocca (20’st Rosati), Masiello. A disp.: Fragione, Cocco, Bazri. All.: Guglietta.

Virtus Lenola: Caporini, Mattei, Quinto, Oliva, Carroccia, Stradella, Zizzo, Pecchia, Venditti, Mandarello, Davia. A disp.: Nallo, Simoni. All.: Pecchia. 

Marcatori: 7’ La Rocca, 12’ Ruscitto, 18’st Parisella, 27’st Di Trocchio

Note – Espulso Zizzo al 35’st.

La Virtus Lenola esce con le ossa rotte dalla trasferta di Sperlonga e torna a casa con quattro reti sul groppone.I rossoverdi, scossi dalle dimissioni ad inizio settimana di mister Pannozzo, si sono presentati a Sperlonga in formazione più che rimaneggiata e nulla hanno potuto contro la forza di una delle formazioni più calde di questo finale di stagione. I ragazzi di Guglietta dopo aver segnato due reti nei primi dodici minuti con La Rocca e Ruscitto, hanno arrotondato il risultato nella ripresa con i sigilli di Parisella e Di Trocchio. Per lo Sperlonga, alla seconda vittoria consecutiva con quattro reti all’attivo, ultima di campionato infuocata sul campo del Real Vallemarina contro una formazione a cui basterà un pari per salvarsi. Per il Lenola, preso in mano da Francesco Pecchia dopo l’addio di Pannozzo, ci sarà la Don Bosco Gaeta, praticamente qualificata alla prossima Coppa Lazio. La gara si disputerà sul neutro di Itri per l’indisponibilità del terreno di gioco di Lenola.

 

ROCCASECCA PROSSEDI – SAN LORENZO 0-2

Roccasecca Prossedi: Mirandola, Albanese (20’st Bianchi), Brusca (40’st Stefanelli), Di Giorgio, Pincivero, Giovannelli, Vona , Reali, Nasiri, Macciacchera, Suprano. A disp.: Marroni, Chieffallo, Ronci, Berardi. All.: Mattoni.

San Lorenzo: Ianniello G., Testa Giuseppe, Di Viccaro, Cappelli, Corelli, Zanna, Perella, Di Bello, Freda, Ianniello I., Andreoli. All.: Rando.

Marcatori: 40’ Testa, 30’st Freda

Note – Al 15’ Giovannelli fallisce un calcio di rigore.

Ennesima sconfitta di un campionato sciagurato per il Roccasecca Prossedi. Nell’ultima giornata casalinga in Seconda categoria i ragazzi di Mattoni si arrendono al San Lorenzo per 2-0.

Davide Di Cesare

Lascia un commento