II categoria – Il Montello aspetta solo la festa

La penultima giornata di campionato ha ancora in serbo molte sorprese. In vetta è quasi scontata la vittoria, sul campo e in campionato, del Montello Calcio che affronterà il Tre Cancelli. Poco dietro è piena bagarre, sia per il secondo posto, sia per la coppa Lazio. La lotta più vivace però è giù nei bassifondi 

Leggi tutto

tifosi-montello

La penultima giornata di campionato ha ancora in serbo molte sorprese. In vetta è quasi scontata la vittoria, sul campo e in campionato, del Montello Calcio che affronterà il Tre Cancelli. Poco dietro è piena bagarre, sia per il secondo posto, sia per la coppa Lazio. La lotta più vivace però è giù nei bassifondi dove in poche hanno la certezza di rimanere in seconda categoria. Ultime due giornate di speranze per alcune e forse di amari verdetti per altre.

Montello-Tre Cancelli

Il Montello è pronto per la sua festa, per coronare il sogno promozione bisognerà non perdere contro un Tre Cancelli che ha poco da chiedere a questo finale di campionato. Previsto uno Zonzin interamente biancazzurro per questo grande match e tutto l’ambiente è caricao. “Stiamo bene – afferma Gianluca Campo – questa sarà la partita dell’anno, spero che la tensione non faccia brutti scherzi. Non possiamo buttare al vento tutto quello di buono fatto fino a domenica scorsa”. Per questo incontro oltre al previsto pienone sulle tribune anche per il mister potrà disporre della sua rosa al completo (meno Loi e Bove squalificati) tanto che fino all’ultimo sono ancora in dubbio i ragazzi da mandare in tribuna.

Sales Latina-Sabaudia

Per continuare a sperare nella salvezza e giocarsi tutto nell’ultima giornata il Sales ha l’obbligo della vittoria contro il Sabaudia. I ragazzi di Paolazzi hanno ipotecato la loro permanenza in seconda con il successo sul Nuovo Latina ma con un eventuale sconfitta si giocherebbero tutto negli ultimi 90 minuti. Marco Ciaramella per questo incontro potrà disporre di tutti i suoi effettivi, esclusi gli squalificati Sciuto e Pregnolato. I biancoverdi recupereranno anche Maragno che non si sa ancora se scenderà in campo dall’inizio. “Noi pensiamo a vincere la nostra partita – afferma mister Ciaramella – poi se i risultati dagli altri campi saranno a nostro favore ancora meglio”. Per gli ospiti però assenza di grande spicco come Paolo Rossi, praticamente un giocatore in grado di reggere l’intero reparto offensivo di Paolazzi ma che non sarà della gara per squalifica.

maurizio-pintiBella Farnia-Agora Santa Rita

Un incontro dai mille significati quello tra Bella Farnia e Agora Santa Rita. I padroni di casa infatti, oltre ad una vittoria-salvezza cercano anche di ritrovare il feeling con il campo di casa che in questo girone di ritorno non c’è mai stato. Gli avversari però sanno di rendere al meglio nelle partite in trasferta e non possono fare passi falsi in chiave secondo posto. Tra i rosanero però solite defezioni, infatti mister Pinti dovrà essere costretto ancora a mettere mano sulle juniores viste le molte assenze. Oltre ad Orefice e Nocella out da tempo anche Ciammaruconi ha già terminato il campionato per problemi fisici. Non ci sarà nemmeno Salis che forse rientrerà per l’ultima di campionato ma almeno rientrano Mariniello, Morelli e Schivo con quest’ultimi che partiranno dalla panchina. In forte dubbio anche Conte di cui ancora non si sa che impiego potrà avere. Il Bella Farnia anche il Bella Farnia dovrà fare i conti con i soliti acciacchi ma in gare come queste non si po’ errare.

Virtus Pomezia-Borgo Grappa

Partita dove non sono concesse leggerezze quella tra Virtus Pomezia e Borgo Grappa a confermare un campionato di raro equilibrio con molte posizioni in dubbio fino all’ultimo. I padroni di casa devono rialzarsi dopo la sconfitta di Sermoneta con l’Olimpia ma dovranno superare tutta la voglia salvezza che ha ancora in corpo il Borgo Grappa. I ragazzi di De Paris vengono da un risultato uguale, con l’aggravante di averlo subito tra le mura casalinghe. Su quella gara oltre ai soliti limiti in fase offensiva pesano anche le assenze di Costantini e Magnan che rientreranno proprio a Pomezia. Per il resto De Parsi avrà solo l’imbarazzo della scelta su chi mandare in campo per questo match.

Cori-Olimpia 04

Cercare di vincere e poi guardare subito gli altri campi. Sarà questo l’obiettivo dell’Olimpia 04 che a Cori continuerà la sua rincorsa al secondo posto che potrebbe coronare una stagione comunque molto tribolata. Tra i nerazzurri forfait sicuri per Paoletti, Attivani e Cecconi, sempre alle prese con un problema alla caviglia ma, al centro della difesa, è previsto il rientro di Vincenzo Troiano dopo la squalifica. A Cori si tenterà di chiudere questo campionato con onore, anche perché gli obiettivi possibili sono stati tutti ottenuti o sfuggiti (dalla salvezza ad un piazzamento in coppa Lazio)

Nuovo Latina Isonzo-Virtus Cisterna

Ennesima sfida salvezza per il Nuovo Latina che dopo aver regalato due match-point alle sue più dirette rivali (Borgo Grappa e Sabaudia) dovrà andare all’assalto della Virtus Cisterna per chiudere in anticipo i conti salvezza. I ragazzi di Morano dalla loro hanno un campionato già concluso qualche giornata fa ma certamente la vittoria sul Montello di due settimane fa regala qualche speranza alle concorrenti dell’Isonzo.

Faiti 2004-Città di Pomezia

Il Faiti dovrà presto mettersi alle spalle la sconfitta nello scontro-promozione contro il Montello e riprendere subito la propria marcia, cercando di rosicchiare ancora punti sulla Virtus Pomezia e coronare una stagione esaltante. La promozione infatti porterebbe i ragazzi di Piva oltre le più rosee aspettative della società e contro il Città di Pomezia cercare la vittoria è un obiettivo più che lecito.

Polisportiva Carso-Atletico Nettunosandalo

Dopo il grande colpo di via Bruxelles dell’ultimo turno in casa Carso manca molto poco alla matematica certezza della permanenza in seconda. Il Nettuno, sulla carta, non dovrebbe entrare in campo con il coltello tra i denti e perciò Banin e compagni potranno fare leva sulle magiori motivazioni per poter strappare punti che, a questo punto della stagione, pesano come macigni.

Stefano Scala

Lascia un commento