II categoria N – Il Montello vede la promozione

Nella 28esima di campionato qualcosa comincia a delinearsi all’interno del girone N di Seconda categoria. Ed era ora. Il torneo, infatti, a 180′ dalla fine ancora ha molto da dire, anche se per quanto riguarda la prima posizione. Il Montello, battendo il Faiti nello scontro diretto si porta a +5 dalle inseguitrici e ipoteca il 

Leggi tutto

esultanza-montello-1

Nella 28esima di campionato qualcosa comincia a delinearsi all’interno del girone N di Seconda categoria. Ed era ora. Il torneo, infatti, a 180′ dalla fine ancora ha molto da dire, anche se per quanto riguarda la prima posizione. Il Montello, battendo il Faiti nello scontro diretto si porta a +5 dalle inseguitrici e ipoteca il campionato al termine di un’annata quantomai incerta e ricca di emozioni. Alzano bandiera bianca tutte le altre concorrenti: Faiti, appunto, ma anche Virtus Pomezia – battuto a Sermoneta dall’Olimpia che torna così in corsa per il secondo posto – e Santa Rita, superato clamorosamente da un Carso che torna alla vittoria e si mette quasi matematicamente al sicuro. Proprio il discorso salvezza si è fatto davvero intricato e appassionante…

MONTELLO-FAITI 1-0
Faiti: Tonini, Rezzini, Ciaramella, Nardi, Brusca, Pacini, Adamo (30’st Frighi), Piva, R.Ricci (5’st Perin), Cantali, Del Bianco (5’st Veneziani). A disp. M.Ricci, Del Duca, Tumiatti, E.Favaretto. All. Piva

Montello: Franchini, D’Aietti (20’st M.Alibardi), Lorenzin, O.Alibardi, Rigoni, Fioravanti, Corato, Pinna, Loi 30’st Sanavia), Chiurato (40’st Bove), Piccolo. A disp. Ferreri, Comuzzi, Bragazzi, Zonzin. All. Campo
Marcatore: 25’st Fioravanti
Note – ammoniti: Brusca, Adamo, Veneziani, Loi, Rigoni, Corato, Lorenzin, Pinna

 

Vittoria che sa di Prima categoria quella del Montello che nel big match della terzultima giornata riesce a superare il Faiti e a portarsi a +5 dalla prima inseguitrice Virtus Pomezia. Prima di entrare nel vivo della partita però sono passati 15 minuti di studio dove entrambe le squadre apparivano molto contratte e non riuscivano a trovare gli spazi necessari per colpire. La prima opportunità porta la firma di Corato con la difesa ospite che riesce a salvare sulla linea. Più tardi è il turno di Chiurato che ci prova da fuori area ma il pallone non entra. Al 25’ però da una spizzata di Piccolo nasce la rete di Fioravanti che sbuca sul secondo palo e infila un diagonale imparabile. I padroni di casa ci provano anche con Loi che però non riesce a centrare la porta in acrobazia. Al 35’ occasionissima per Rigoni ma il suo stacco di testa va a spegnersi qualche centimetro a lato. La palla più nitida per il Faiti arriva dopo pochi istanti del secondo tempo ma l’atteso Jerry Cantali non riesce a centrare la porta di destro. A fine gara Campo è un mix di entusiasmo e anche delusione per un gesto che egli stesso condanna: “Possiamo dire che domenica siamo pronti e speriamo di poter festeggiare la promozione. Per il resto ci tengo a chiedere scusa alla società del Faiti e a tutti i suoi tifosi perché ho fatto una cosa che non mi era mai capitato fare. Ho sbagliato e quindi chiedo scusa, prendendomi le mie responsabilità, purtroppo la tensione era alta e mi ha fatto brutti scherzi”. “L’obiettivo era migliorare il campionato della scorsa stagione – afferma il presidente del Faiti Favaretto – ci siamo riusciti, per noi giocarsi il campionato fino alla terzultima giornata è stato comunque un grande traguardo. Certo ci dispiace ma ora proveremo a giocarci il secondo posto”. Per Cantali e compagni però non è ancora tempo di pensare agli obiettivi per la prossima annata: “Non ci pensiamo ancora alla prossima stagione – continua Favaretto – pensiamo a concludere questo campionato che il resto si vedrà”.

CALCIO SABAUDIA – NUOVO LATINA 2-0
Calcio Sabaudia:
Puntel, Iacovitti, Limatola, Giusti, Mastracci M., Paniccia, Fabbri (10’st Zimbile), Canella, Rossi P. (25’st Tittoni), Panetta, Mattei (35’st Bisogni). A disp.: Panni, Mastracci R., Ambrosetti, Rossi A. All.: Paolazzi
Nuovo Latina: Rigon, Nogarotto, Perrone, Pannone, Villani (25’st Carlaccini), Coscione, Ferriani, Bordin (10’st Di Marco), Lucciola (15’st Sperduti), Persichino, Porcelli. A disp.: Falso, Rigon, Tosatti. All.: Carnevali
Marcatori: 5’st Panetta, 10’st Rossi P.

IL Calcio Sabaudia fa suo lo scontro diretto con il Nuovo Latina Isonzo e intravede la salvezza: ora, i gialloblu hanno quattro punti di vantaggio sul Sales Latina, terzultimo in classifica a centottanta minuti dalla fine del campionato. L’undici di mister Paolazzi, dunque, può ormai tirare un sospiro di sollievo dopo aver per lungo tempo frequentato le ultime tre posizioni della graduatoria. Il Calcio Sabaudia proverà a conquistare la certezza matematica della permanenza in Seconda Categoria tra sette giorni, quando faranno visita proprio alla compagine di Ciaramella. Diverso il discorso per il Nuovo Latina che, dopo un inizio di campionato spumeggiante, deve ora fare i conti con una situazione di classifca che, a due giornate dal termine, inizia ad assumere contorni preoccupanti. La salvezza per i nerazzurri sarà affidata agli incontri con Virtus Cisterna e Tre Cancelli.
A punire i nerazzurri sono 5’ di vuoto nella ripresa in cui i padroni di casa passano in vantaggio con Panetta e poi raddoppiano con il solito Paolo Rossi. Il Nuovo Latina si vede solo nel primo tempo, quando Persichino per poco non inventa il gol della domenica con un tiro ad effetto dalla linea di fondo trovando però sulla propria strada solo il montante alto della porta di Puntel.
Nel secondo tempo, come detto, esce fuori la maggiore verve dei ragazzi di mister Paolazzi e con essa arrivano anche i gol. Al 50’ una bella triangolazione in mezzo all’area di rigore mette Panetta nelle condizioni di battere a rete indisturbato. Nessuno scampo per Rigon.
La certezza dei 3 punti per i padroni di casa arriva soli 5’ più tardi. Tutto nasce da una palla rubata in mezzo al campo da Mastracci che poi è bravo a lanciare nello spazio Paolo Rossi che mette a sedere Rigon e poi depositare in fondo al sacco il gol del definitivo 2-0.

OLIMPIA 04 – VIRTUS POMEZIA 1-0
Olimpia 04: Mancini M., Graziano, Saoud, Santilli, Anzalone, Baldassarra, Benvenuti, Mancini E., Colardo, Cippitani, Passini (44’st Battista). A disp.: Attivani, Paoletti, Di Prospero. All.: Cippitani
Virtus Pomezia:
Di Bernardo S., Caprioli, Giammarioni, Toppi, Sebastiani, Gugliotta, Catalini (25’st Izzo), Chianese (18’st Risu), Di Bernardo M., Francioni (29’st Castiello), Catena. A disp.: Crisapulli, Auletta, David, Di Cunto. All.: Sebastiani
Marcatori: 42’st Cippitani.
Allenatore, giocatore e adesso anche trascinatore. Marco Cippitani fa volare il suo Olimpia 04 con un grande calcio di punizione che permette ai sermonetani di battere la quotata Virtus Pomezia, dimenticare il ko subito in casa del Sales Latina ed agganciare al terzo posto – a quota 50 punti – sia Santa Rita che Faiti. Una vittoria sofferta ma meritata visto l’andamento dei 90′ del “Caetani” dove i padroni di casa sfiorano più volte il vantaggio. Nel primo tempo ci prova Colardo con due zuccate che fanno gridare al gol; poi è il turno di Benvenuti, tiro alto a tu per tu con il portiere e anche Passini, a cui Di Bernardo nega la gioia del gol. Stesso discorso nella ripresa. La Virtus, venuta probabilmente a Sermoneta per strappare almeno un punto, si rintana nella propria metà campo affidandosi all’arma del contropiede. E per poco i pometini non fanno il colpaccio, andando vicino al gol con un tiro di Francioni salvato sulla riga di porta da un super intervento di Anzalone. Come detto, però, dopo un lungo penare è Cippitani ad estrarre dal cilindro la zampata vincente a 3′ dalla fine. Una zampata che fa sapere a tutti che l’Olimpia c’è!

flibertiniBORGO GRAPPA-SALES LATINA 0-1

Borgo Grappa: Zanutto, Iazzetta, Deserti, Di Marco, Dal Col, Delle Fontane, G.Verrengia (1’st Iacobelli), Sartori, Lorenzetto (35’st Umile), Pacini, Caporuscio (1’st De Paris). A disp. Alterio, L.Verrengia, Cocco, Di Rubbo. All. De Paris 

Sales Latina: Cipolla, Taffuri, Fusco (1’st Finamore; 43’st Palma), G.Libertini, Marchetti, Iazzetta, D.Sciuto, Schiavarelli, Rolando, F.Libertini (25’st Quintavalle), Dinghat a disp. Govoni, Quintavalle, Caponi, D’Alessandro, Finamore, Russo, Palma. All. Ciaramella

Marcatore: 20’ F.Libertini

 

Il Sales non si ferma più, e dopo i 4 punti ottenuti nelle partite con Olimpia e Santa Rita trova anche la sua prima affermazione in trasferta, forse la più importante della stagione. A farne le spese è una diretta rivale per la salvezza come il Borgo Grappa, ora piombata in penultima posizione e a serio rischio retrocessione. Infatti i ragazzi di De Paris dovranno vedersela già domenica in casa della Virtus Pomezia.Nonostante il risultato premi i biancoverdi gran parte della gara è stata fatta dai padroni di casa che però hanno, come sempre, palesato i loro evidenti limiti in fase offensiva (Iacobelli e De Paris sono partiti dalla panchina). Il gol partita porta ancora la firma di Francesco Libertini, abile a deviare di testa una spizzata di Rolando al limite dell’area. Il Sales si affida ai contropiedi, cercando di contenere le avanzate amaranto che nella ripresa si fanno continue. Il solito calcio di punizione di De Paris impegna per la prima volta Cipolla mentre a 10 minuti dal termine è Quintavalle che sulla linea evita il pari locale. Verso il 40’ poi rete annullata  per presunto fuorigioco di Dinghat che poteva chiudere definitivamente l’incontro. “Ci abbiamo messo quella voglia che all’andata non mettemmo– dichiara pochi istanti dopo il fischio finale Marco Ciaramella – noi andiamo di partita in partita, contro il Borgo Grappa ce l’abbiamo fatta. Martedì cominceremo a pensare al Sabaudia a cui basterebbe anche un pareggio. Noi invece dovremo vincere e sperare ancora. Abbiamo trovato una certa quadratura anche se siamo ridotti ai minimi termini”.

VIRTUS CISTERNA – TRE CANCELLI 2-1
Virtus Cisterna:
Sciacqua, Maciucca, Poli, Pennacchia, Del Prete, Casoria, Alfano, D’Antoni, Giordani, Pennacchia, Bartolomucci. A disp.: Micozzi, Ferrari, Nardi, Di Franceschi, Portas, Scaramello. All.: Morano
Tre Cancelli: Paccariè, Del Principe, Cibati, Rossi, Badini F., Combi, Bragaglia, Libernini, Coticelli, Costantini, Grizanti. A disp.: Ambrosetti, Verticchio, D’Angeli, Badini M., Provenzale. All.: Riggi
Marcatori: 38’pt Giordani, 39’pt Pennacchia, 20’st (rig.) Cibati
Ancora una vittoria, la seconda consecutiva, ancora Ivan Pennacchia, al quinto centro di fila e sempre più trascinatore di una Virtus Cisterna che vive una seconda giovinezza in questo campionato. Davanti al pubblico amico dell’impianto Findus di via Appia, i biancorossi regolano per 2-1 un Tre Cancelli in cui Riggi sceglie di mandare in campo chi ha giocato meno in questa stagione. I nettunensi pagano a caro prezzo, dopo un primo tempo ben giocato, un passaggio a vuoto nel minuto finale prima del riposo in cui la Virtus mette al sicuro il risultato con due reti. La prima con un calcio di punizione ben tirato da Michele Giordani, la seconda messa a segno da Ivan Pennacchia che scatta sul filo del fuorigioco e poi batte Paccariè con un sontuoso pallonetto. A poco servono gli assalti degli ospiti nella ripresa. Il gol su rigore di Combi, infatti, non basta a scansare la seconda sconfitta di fila per un Tre Cancelli che, insieme alla Virtus Cisterna, si gode da spettatore quest’ulitima fase del torneo.

CITTA’ DI POMEZIA – BELLA FARNIA 2-0
Città di Pomezia:
Pellone, Romano, Partemi, Vignaroli, Fiore, Bruni, Dentice, Silvi (35’st Patacca), Mosconi (25’st Iorilli), Mantovani, Roselli. A disp.: Riso, Affinità. Caporaletti, Bressi. All.:
Bella Farnia: Passaro, Costantini, Cieli, Bertacchini, Toselli (15’st Schiavon), Repele, Rossi (30’Cipolla), Ginnetti, Cristofoli, Moretto, Colinvitti. A disp.: Ciacciarelli, Schiavon. All.: Orsini.
Il Città di Pomezia ha infilato il quinto risultato utile consecutivo, imponendosi per 2-0 sul Bella Farnia. L’undici romano sembra aver trovato in questo finale di stagione il giusto ritmo gara come dimostrano le tre vittorie e i due pareggi raccolti nelle ultime cinque uscite, troppo tardi, però, per sperare in una salvezza che, solo per un punto, non è divenuta ancora matematica. Dall’altra parte, a farne le spese è un Bella Farnia che ha ormai smarrito la bussola, rimanendo inchiodato a quota 31 punti, ovvero ad una sola lunghezza dal baratro retrocessione.

ATLETICO NETTUNO – CORI 3-2
Atl. Nettuno:
Pasquino, Zeppetella, Zattoni Y., Bardi, Ceccarelli, Bellini, Sapuppo (30’st Trinchero), Marzella, Fiorini (20’st Galuppi), Nicolò, Zattoni G. A disp.: Trinchero. All.: Altarocca
Cori: Lucarelli, Ciardi, Milanini, Toselli, Ramos, Gamboni, Conti, Bosone, Cupiccia, Capogna, Carosi. A disp.: Paganiello, Nocera, Campagna. All.: Portas
Marcatori: 10’e 15’st Zattoni G., 40’Cupiccia, 20’st Bosone 40’st Trinchero
Sembra aver ritrovato il ritmo di inizio stagione l’Atletico Nettuno Calcio Sandalo di mister Altarocca. Davanti al pubblico amico arriva infatti il quarto risultato utile casalingo di fila, grazie al bel successo ottenuto in extremis sul Cori di Portas. Una partita tra due squadre che non avevano più nulla da chiedere alla classifica regala così la giusta dose di gol ed emozioni. Finisce 3-2 con doppietta di Gianfranco Zattoni e Trinchero per il Nettuno e gol di cupiccia e Bosone (sempre più capocannoniere) per un Cori che era riuscito per due volte a riacciuffare gli avversari dopo lo svantaggio.

Giampiero Terenzi e Stefano Scala

Lascia un commento