II categoria N – Banin spezza i sogni del Santa Rita

IL Carso che non t’aspetti batte il Santa Rita a domicilio e mette una seria ipoteca sul discorso salvezza. Si, perchè grazie ai tanti scontri diretti della 28esima giornata, la formazione borghigiana si porta a +5 dalla zona retrocessione. Dall’altra parte, il Santa Rita spreca una grossissima occasione per superare la Virtus Pomezia al secondo 

Leggi tutto

santa-rita1IL Carso che non t’aspetti batte il Santa Rita a domicilio e mette una seria ipoteca sul discorso salvezza. Si, perchè grazie ai tanti scontri diretti della 28esima giornata, la formazione borghigiana si porta a +5 dalla zona retrocessione. Dall’altra parte, il Santa Rita spreca una grossissima occasione per superare la Virtus Pomezia al secondo posto, incappando nella seconda sconfitta nelle ultime 4 gare. L’undici di Pinti paga le tante assenze, sopperite con l’utilizzo di tanti giovani «prestati» dalla Juniores di Bruscagin, ieri sulla panchina rosanero in virtù del turno di squalifica scontato da Maurizio Pinti.

Partono meglio i padroni di casa, che tentano di fare la partita con un gioco palla a terra fatto di fitti fraseggi a metà campo. Al 4’prima occasione: angolo di Centra, testa di Colantuono e palla di poco alta. Al 12’si fa vedere il Carso con un tiro dalla distanza di Marco Pavani, troppo centrale però per impensierire Viola. Ma è il Santa Rita a fare la partita. Ci provano Gucciardi (tiro al volo ampiamente a lato) e Chiabra, che dopo aver seminato un paio di avversari spara troppo centralmente dal limite dell’area. E’ l’asse Roma-Chiabra a spaventare il Carso. Lancio del primo e tiro del secondo in diagonale ben controllato da Marcotulli. Ma gli ospiti, bravi ad attendere il proprio momento, passano in vantaggio alla prima vera occasione. E’ il 43’ quando Mirko Banin riceve palle spalle alla porta, si difende in mezzo a due e poi serve una assist con il contagiri al fratello Omar che entra in area di rigore e di punta anticipa un Viola in disperata uscita. Un gol da applausi che sembra stordire il Santa Rita.

Nella ripresa, infatti, i rosanero, nonostante la grande mole di gioco costruita, cadono nella trappola imbastita dalla formazione di mister Gilberto Banin. A questo vanno aggiunti gli infortuni che lasciano i padroni di casa praticamente senza punte.
A dover abbandonare il campo, infatti, sono prima Roma (rientrato dopo un mese di stop) e poi Cesari, che ha la peggio su uno scontro aereo con Galzerano. Il Santa Rita annaspa vistosamente, ma al 12’ arriva comunque l’occasione del pari con una doppia conclusione di Centra che trova sulla propria strada i pugni del sempre sicuro Marcotulli. Lo stesso portiere borghigiano si supera al 37’, quando si distende sulla bellissima conclusione di Chiabra che aveva già fatto gridare al gol.

AGORA SANTA RITA – POL.CARSO 0-1
Agora Santa Rita:
Viola, Gianmarioni, Marcotulli (1’st Telesca), D’Annolfo, Colantuono, Ugolini, Centra, Cesari, Roma (4’st Tittoni), Chiabra (30’st Clazzer). A disp.: Fornasier, Fiorot, Conte, Mambrin. All.: Pinti (in panchina Bruscagin)
Polisportiva Carso: Marcotulli, Crepaldi, Antonetti (1’st Schietroma), Pavani C., Galzerano, Sbampato, Caminati, Banin M. (36’st Yang Ce), Morgagni (44’st Andreotti), Pavani M., Banin O. A disp.: Ghisu, Sperotto
Arbitro: Lombardi di Frosinone
Note – Ammoniti: D’Annolfo, Colantuono, Morgagni, Sbampato

santa-rita1-copia

Lascia un commento