II categoria N – Borgo Grappa e Sales si giocano il loro scudetto

Duecentosettanta minuti per giocarsi tutto, 270 minuti per dirci chi andrà in Prima categoria e chi, invece, dovrà arrendersi alla retrocessione. E buona parte delle speranze di molte squadre passeranno per i 90 minuti di questa 28^ giornata di campionato, una domenica che, calendario alla mano, sembra quanto mai decisiva. E’ giunto il momento degli 

Leggi tutto

i-due-iazzetta

Duecentosettanta minuti per giocarsi tutto, 270 minuti per dirci chi andrà in Prima categoria e chi, invece, dovrà arrendersi alla retrocessione. E buona parte delle speranze di molte squadre passeranno per i 90 minuti di questa 28^ giornata di campionato, una domenica che, calendario alla mano, sembra quanto mai decisiva. E’ giunto il momento degli uomini veri, è giunto  il momento in cui ogni errore può essere fatale, è giunto il momento del grande calcio nel girone N dove 5 squadre chiuse in 6 punti sognano il grande salto, mentre altre 6 lottano con i denti per non essere risucchiati in quel vortice rappresentato da una maledetta linea simbolica che vuol dire Terza categoria…Una giornata vietata ai deboli di cuore, una giornata tutta da seguire in tempo reale con i risultati aggiornati e marcatori solo su zonapontina.com.

BORGO GRAPPA – SALES LATINA

Dopo il Verga il treno per la salvezza del Grappa passa per la stazione di casa, quella del Morgagni. Infatti i ragazzi di De Paris, a tre turni dal termine, ospiteranno il Sales Latian per poter continuare a sperare nella salvezza. Due assenza di spicco per De Paris con la squalifica di Costantini e Magnan con un ballottaggio ancora aperto sui possibili sostituiti. “Mi spiace perchè partite del genere conta molto l’esperienza – afferma De Paris – e loro potevano sicuramente aiutarci in una gara del genere. Quando poi trovi un assetto che ti dà soddisfazioni andare a modificarlo è sempre molto difficile”. In questo assetto dovrebbe però rientrare Bruno Iacobelli, in panchina nelle ultime gare per scelta tecnica e pronto a scagliare di nuovo in rete una palla da 3 punti, pesanti come un’intera stagione. L’unico dovrebbe essere proprio l’impiego dal primo minuto dello stesso allenatore giocatore David De Paris. In una partita come questa, dove tutto può decidersi sui calci da fermo certamente il mister amaranto può dare il suo contributo, oltre al bagaglio di esperienza che si porta dietro.Sfida nella sfida poi con i fratelli Iazzetta che potrebbero sfidarsi proprio in questo match fondmentale. Dovrebbero essere in campo tutti e due ma dalla parte del Sales c’è un pò di amarezza ma anche tanta voglia di fare bene. L’amarezza deriva dalle squalifiche avvenute nel dopo-gara con l’Olimpia 04 che ha portato a tre turni di squalifica per Samuele Pregnolato ed Emanuele Sciuto, eliminandoli praticamente da questa lotta finale per la salvezza. “Non solo c’hanno provocato ma abbiamo anche preso gli squalificati – ammette un rammaricato Marco Ciaramella – è vero che l’esultanza di un mio giocatore è stata troppo eccessiva ma in campo siamo stati molto provocati. A me dispiace solo per quello perchè i miei squalificati me li tengo, così la prossima volta tutto ciò gli può servire da lezione per non ripetere gli stessi errori. Continuamo a pagare un girone d’andata tutto da dimenticare – continua il tecnico del Sales– ma noi andremo a giocarcela come sempre”. Per il Sales oltre ai già citati squalificati non saranno del match nemmeno Maragno e Basilicata, tutti nella speranza che Francesco Libertini ripeta quella fantastica doppietta dell’ultimo turno di campionato.

Montello – Faiti 2004

Due grandi attacchi a confronto allo Zonzin dove Montello e Faiti 2004 si giocheranno gran parte delle loro speranze di vertice. Ovviamente la formazione favorita sarà quella di Campo, sia perché si giocherà questo match-ball tra le mura casalinghe sia perché partendo da quel +3 potrebbe permettersi una partita più di attesa. Mister Gianluca Campo per questo importante match potrà contare su rientri importanti come quelli dei vari Bove, Chiurato, Marco Alibardi, Bressan e Diego Pelle, tutti giocatori che stanno recuperando condizione e che possono ritenersi recuperati. Rientro anche per capitan Rigoni e Pinna, fuori per squalifica. Davanti favorito tra tutti è Orlando Loi, essendo l’unica punta di peso ma anche con una certa esperienza, che in partite del genere è sempre un’arma in più. Contando anche i rientri quasi assicurati di Bove, Pinna e Chiurato in mediana gli unici dubbi restano nel reparto offensivo. Oltre al già citato Loi infatit è pieno ballottaggio tra Piccolo e Sanavia dato che Noce ha un problema alla schiena e Valle non sarà della partita. Intanto lo Zonzin sembra pronto per accogliere questo scontro con il pubblico delle grandi occasioni e la tifoseria al completo. Dall’altra parte non avrà certo paura il Faiti che, trascinato da un super Brusca sempre più goleador e dal solito Jerry Cantali, tenterà di agguantare la terza vittoria di fila ed il quarto risultato utile consecutivo che gli consentirebbero di agganciare proprio il Montello in vetta alla classifica, Virtus Pomezia permettendo. Con 7 gol nelle ultime tre partite gil uomini di Piva sembrano essere tornati quelli di inizio girone di ritorno, dopo un momentaneo passaggio a vuoto che stava per costargli le speranze promozione. La capoclasse è avvertita.

Calcio Sabaudia-Nuovo Latina Isonzo

Cosa dire?Per il match  tra Calcio Sabaudia e Nuovo Latina parlano i numeri. Le due squadre che si ritrovarono a lottare per non retrocedere anche nel campionato di due anni fa, si ritroveranno nella 28^ giornata appaiate a quota 30 e a soli 2 punti dal baratro retrocessione. Vietato sbagliare, vietato qualsiasi passo falso. In quest’ultimo periodo molto meglio il Sabaudia, a segno la settimana scorsa e imbattuto da 4 giornate di fila. Paolazzi potrà inoltre fare affidamento sul proprio bomber Paolo Rossi, a segno ormai con costanza da diverse settimane a questa parte. Dall’altra parte non si può dire lo stesso per il Nuovo Latina che, insieme ai gol di bomber Persichino, sembra aver perso lo smalto dei giorni migliori, ultima prova ne è il ko interno di sette giorni fa contro il Grappa. Tra le fila della squadra guidata dalla coppia Carnevali-Squerzanti mancherà anche Angelo Del Cielo, importante pedina nello scacchiere nerazzurro, fermato per una giornata dal giudice sportivo

Olimpia 04-Virtus Pomezia

Dopo la sconfitta in casa del Sales, clamorosa quanto inaspettata, mister Cippitani chiede ai suoi di rimboccarsi le maniche e tornare a vincere e far punti come è successo nelle ultime 14 giornate prima del ko del Don Bosco. Per farlo, però, i sermonetani dovranno fare a meno del portiere Vita, il meno battuto del campionato, e di Vincenzo Troiano, fondamentale in difesa, entrambi squalificati in seguito alla rissa scatenatasi a fine gara in casa del Sales. Dall’alta parte, la Virtus Pomezia, dopo 3 vittorie consecutive, chiede bottino pieno anche al “Caetani”, dove si prevede il pubblico delle grandi occasioni. Non possono fallire gli uomini di Sebastiani, visto che in agguato come rapaci e pronti a scavalcarli al secondo posto ci sono Faiti e Agora Santa Rita. I virtussini sognano ancora la promozione: sarebbe la seconda squadra di Pomezia (dopo l’Indomita) a fare il grande salto in due stagioni consecutive.

Agora Santa Rita – Polisportiva Carso

In una giornata di scontri diretti potrebbe fare qualche passo in avanti l’Agora Santa Rita di Maurizio Pinti di scena tra le mura casalinghe contro la Polisportiva Carso, squadra in netta difficoltà e in lotta per la salvezza.Tra i rosanero, come sempre, pesca grossa tra la formazione juniores per porre rimedio alle tante assenze in prima squadra. Stavolta però la nota positiva arriva proprio dall’infermieria con il rientro a tempo pieno di Christian Roma, fuori per un problema muscolare negli ultimi due incontri. Mariniello e Lucarini saranno fuori per squalifica (come del resto lo stesso allenatore Pinti) mentre ci sono ancora dubbi per Morelli che non è ancora pienamente recuperato. “Visto i risultati di questa stagione turni favorevoli non esistono – afferma il tecnico Pinti – prima pensiamo a fare i nostri punti, anche perchè in casa stentiamo e contro il Carso non sarà facile. Questo campionato conferma il proprio equilibrio, semmai dovessimo riuscire a vincerlo sarà ancora più bello”. Il Carso, da parte sua, deve assolutamente portare a casa qualche punto per non essere risucchiato nella zona retrocessione, ora distante solo 3 lunghezze. Per farlo, mister Tonini ritroverà due pedine importantissime come i fratelli Pavani, Christian, al centro della difesa, e Marco, in attacco. Quello che era mancato domenica scorsa, dunque, oltre ad un bel pizzico di fortuna che è costato il 2-2 in casa del Città di Pomezia. Unico assente, tra i borghgiani, Dalla Zanna, appiedato per un turno dal Giudice Sportivo.

Città di Pomezia – Bella Farnia

E’ un Bella Farnia in netta difficoltà quello che andrà a far visita al fanalino di coda, già retrocesso, Città di Pomezia. Duò ancora non ha recuperato dal problema alla gamba e quindi sarà in dubbio fino all’ultimo mentre mister Orsini può contare su tutta la rosa a disposizione. Per salvarsi mancano almeno 3-4 punti perciò è questa l’occasione giusta per colpire. Dall’altra parte un Città di Pomezia che, forte di 4 risultati utili consecutivi, pare non arrendersi ancora a vestire i panni di semplice sparring partner di quest’ultimo scorcio di campionato. I pometini, dati ormai per spacciati nel discorso salvezza, potrebbero rappresentare davvero la variabile impazzita per quanto riguarda il discorso salvezza e anche quello per i piani alti. Bella Farnia, sta attento!

Virtus Cisterna – Tre Cancelli e Atletico Nettuno  Cori

Dopo essersi divertita a fare lo sgambetto alla capolista Montello e a rovinargli una cavalcata già additata da tutti come trionfale, la Virtus Cisterna di mister Franco Morano aprirà le porte dell’impianto amico del Findus al Tre Cancelli. Una partita tra due formazioni, forse le sole insieme a Cori e Nettuno che non hanno ormai più nulla da chiedere a questo campionato. Tutte salve e senza mire particolari, lontano da assilli di gol e classifiche, le due partite assicurano la giusta dose di emozioni e spettacolo che ci si può aspettare dai classici incontri di fine stagione. Occhio, comunque, a Vincenzo Bosone del Cori, pronto a prendersi per il secondo anno di fila lo scettro di capocannoniere del girone.

Stefano Scala e Giampiero Terenzi

Lascia un commento