II categoria N – La Virtus ferma il Montello

Il calcio è bello perchè non puoi dare nulla per scontato. Come una squadra ormai prima in classifica a +5 dalle inseguitrici e a tre sole gare dal traguardo possa uscire sconfitta al cospetto di una formazione che, ormai, non ha priaticamente più nulla da chiedere al campionato. Possibile? Per maggiori informazioni interpellare il Montello, 

Leggi tutto

campoIl calcio è bello perchè non puoi dare nulla per scontato. Come una squadra ormai prima in classifica a +5 dalle inseguitrici e a tre sole gare dal traguardo possa uscire sconfitta al cospetto di una formazione che, ormai, non ha priaticamente più nulla da chiedere al campionato. Possibile? Per maggiori informazioni interpellare il Montello, battutto di misura sul campo di una sorprendente Virtus Cisterna che, oltre ai tre punti, si porta a casa anche i complimenti della capolista. Sì, perchè la squadra di mister Franco Morano approfitta delle tante assenze tra le fila dei borghigiani (Bove, Piccolo, Chiurato, solo per citarne alcuni) per mettere in difficoltà i più quotati avversari per tutto il corso del primo tempo, quando, oltre al gol di Ivan Pennacchia, i biancorossi rischiano di rimpinguare il proprio bottino con Bartolomucci e Michele Giordani. Nel secondo tempo il Montello sembra in grado di riordinare le idee e tentare l’assalto a pareggio, ma la superba difesa cisternese, guidata dal sempreverde Poli, riesce a rigettare tutti gli assalti. E per il Montello, adesso, il prossimo turno contro il Faiti (terzo e staccato di 3 punti) non potrà più essere una passeggiata.

IL TABELLINO

VIRTUS CISTERNA – MONTELLO 1-0
Virtus Cisterna: Sciacqua, Maciucca, Poli, Pennacchia, Del Prete, Casoria, Alfano, D’Antoni, Giordani, Pennacchia, Bartolomucci. A disp.: Micozzi, Ferrari, Nardi, Di Franceschi, Portas, Scaramello. All.: Morano
Montello: Franchini, D’Aietti (35’st Noce), Corato, Bragazzi, Lorenzin, Alibardi O., Fioravanti, Zonzin (1’st Alibardi M.), Loi, Piccolo, Valle (15’st Sanavia). A disp.: Morandini, Comuzzi. All.: Campo
Marcatore: Pennacchia I.

LE ALTRE PARTITE DEL GIRONE N

CORI – AGORA SANTA RITA 1-2
Cori: Placidi, Ciardi, Lenzini, Lucarelli, Milanini, Panico, Cupoccia (15’st Ramos), Conti, Bosone, Capogna, Toselli (30’st Pagnariello). A disp.: Mastronardi, Ramos, Nocera, Pagnianello. All.: Portas
Agora Santa Rita: Viola, Giannandrea, Marcotulli, Mariniello, Colantuono, Ugolini, Salis, Gucciardi (40’st De Santis), Cesari (30’st Lucarini), Centra, Chiara (35’st Clazzer). A disp.: Conte, Fiorot, Traunini, Mambrin. All.: Pinti
Marcatori: 1’st Chiabra, 15’st Gucciardi, 45’st Capogna
Note – Espulso Panico
Dopo due turni il Santa Rita torna a vincere. La formazione di mister Pinti lo fa espugnando addirittura un campo ostico come quello di Cori, dove a decidere un match tirato ed equilibratissimo sono i gol di Chiabra e Gucciardi. I gol arrivano tutti nella ripresa, dopo che nel primo tempo i padroni di casa avevano sfiorato il vantaggio con Bosone e Pagnaniello. E’ il primo giro di lancette della ripresa quando un fantastico cambio di gioco di Giannandrea trova Chiabra dall’altra parte. L’attaccante rosanero, senza pensarci su due volte, entra in area e al volo batte Placidi con un lob da applausi. Come è da applausi il gol del raddoppio del Santa Rita. E’ ancora la linea verde a trascinare i rosanero verso il successo: Salis semina il panico sulla destra, entra in area e poi scarica al limite per Gucciardi che lascia partire un siluro sotto l’incrocio dei pali su cui il portiere di casa non può nulla. Serve a poco il bel gol di Capogna al 90′. Il Santa Rita è tornato.

BELLA FARNIA – FAITI 0-3
Bella Farnia: Ciacciarelli (10’st Passero), Costantini, Ciampini, Bertacchini, Toselli, Repele, Ginnetti (1’st Santini), Rossi, Cristofoli, Moretto A. (1’st Cipolla), Collinvitti. A disp.: Passero, Cipolla, Schiavon, Moretto R., Santini, Cieli, Duò. All.: Orsini
Marcatori: 1’e 1’st Brusca, 25’st Cantali
Torna la vittoria in casa del Faiti e con essa tornano anche i sorrisi del team rossoblu che, grazie al 3-0 rifilato a domicilio al Bella Farnia, si riporta a -3 dalla vetta. All’Adolfo Nalli i ragazzi di mister Piva inanellano la secondo vittoria consecutiva dopo il 3-2 con cui superarono il Borgo Carso una settimana fa davanti al pubblico amico del Comunale. Tutto facile per i borghigiani, trascinati ancora una volta dai suoi gioielli Brusca e Cantali. Il primo va a segno in avvio di entrambi i tempi spianando la strada ai suoi con due perle balistiche direttamente da calcio di punizione. L’ex Sezze Setina si conferma così vero specialista sui calci piazzati. Poca cosa il Bella Farnia che cerca di spostare la tenzone sul piano dell’agonismo. A far più tondo il bottino ci pensa, poi, il solito Gerry Cantali, che batte con un bolide volante il malcapitato Ciacciarelli.

V. POMEZIA – ATL. NETTUNO 3-1
Virtus Pomezia: Di Bernardo, Giammarioni, David, Toppi, Sebastiani, Gugliotta, Castiello (34’st Di Cunto), Chianese, Vatalaro, Catalini (29’st Francioni), Catena (37’st Auletta). A disp.: Crisafulli, Caprioli, Pirù. All.: Sebastiani
Atletico Nettuno: Pasquino, Zeppetella, Zattoni, Marzella, Bellini, Maius, Sapuppo, Galuppi, Zattoni G., Nicolò, Bellori. A disp.: Paolucci, Trinchero, Solitario, Fusco, Ceccarelli. All.: Altarocca
Marcatori: 35’ (rig.) Catalini, 10’st Catena, 15’st Nicolò, 20’st Francioni
E’ la Virtus Pomezia l’anti-Montello. Questo quanto emerge dalla 27^ giornate del girone N in cui i ragazzi di mister Sebastiani si prendono la sedicesima vittoria di questa stagione, confermandosi tra le squadre più in forma del momento grazie al quinto risultato utile consecutivo, che consente ai rossoblu di accorciare il gap dalla vetta e portarsi in scia del Montello, ora distante solo 2 lunghezze. Tutto facile per i pometini contro un Atletico Nettuno che paga a caro prezzo le tante squalifiche. Al 35′ è Catalini a sbloccare un match intricato che, comunque, gli ospiti erano riusciti a gestire bene, almeno fino al 35′, quando per atterramento in area di rigore il direttore di gara accordava il calcio di rigore. Nella ripresa la Virtus poteva quindi dilagare, inutile il gol di Nicolò per l’Atletico Nettuno.

TRE CANCELLI – C. SABAUDIA 1-2
Tre Cancelli: Ambrosetti, Cibati (30’st Marrocchetti), Rossi, Badini, Combi (1’st Grizanti), D’Angeli, Libernini, Costantini, Verticchio (1’st Bragaglia), Provenzale, Coticelli. A disp.: De Santis, Tedesco, Paccariè, Pezzulla. All.: Riggi
Calcio Sabaudia: Puntel, Iacovitti, Limatola, Mastracci, Paniccia, Giusti, Fabbri, Canella, P.Rossi(40’st Perfetti), Panetta (35’st Bisogni), Mattei (25’st Tittoni). A disp.: A.Rossi, R.Mastracci, Panni, Ambrosetti. All.: Paolazzi
Marcatori: 20’Canella, 5’st Rossi P., 20’stCostantini
Nella incredibile lotta per non retrocedere, che alla luce dei risultati della 27° vede ormai coinvolte almeno 5 formazioni, il Calcio Sabaudia non smette di stupire. Gli uomini di mister Paolazzi si prendono i tre punti e con essi il quinto risultato utile consecutivo che gli consentono di tenere a bada gli assalti di Borgo Grappa e Sales Latina e mantenersi in zona franca. La bella domenica dei gialloblu inizia al 20′. Tanto basta agli ospiti per andare in vantaggio grazie ad un gran gol di Canella, bravo a ricevere pallo sul limite sinistro dell’area di rigore, a superare con un dribbling a rientrare il proprio marcatore e poi beffare Ambrosetti con un tiro a “giro” da applausi. Il raddoppio che sembra mettere la parola fine sul discorso tre punti arriva a 5′ dall’inizio della ripresa. A metterlo a segno, manco a dirlo, è il solito Paolo Rossi, bravissimo a scattare sul filo del fuorigioco e poi battere Ambrosetti con un sontuoso pallonetto. Il gol di Costantini al 20′ in contropiede riapre le sorti di un match che il Sabaudia, comunque, è bravo a gestire e condurre in porto su un campo reso al limite della praticabilità da un forte acquazzone.

POL. CARSO – CITTA’ DI POMEZIA 1-1
Polisportiva Carso: Marcotulli, Crepaldi, Melotto, Sbampato, Ustione, Galzerano, Caminati, Pavani M., Antonetti (7’st Banin M.), Morgagni (20’st Dalla Zanna – 27’st Sperotto), Banin O. A disp.: Ghisu, Yan Che, Sperotto, Schietroma, Andreotti, Banin M., Dalla Zanna. All.: Tonini
Città di Pomezia: Pellone, Romano, Partemi, Vignaroli, Fiore, Bruni, Dentice, Silvi (35’st Patacca), Mosconi (25’st Iorilli), Mantovani, Roselli. A disp.: Riso, Affinità. Caporaletti, Bressi.
Marcatori: 42’Mantovani, 15’st Banin M.
Note – Al 20’ Pellone para un rigora a Pavani Marco. Espulsi Dalla Zanna al 28’st
Non può più dormire sonni tranquilli il Carso di mister Tonini. I borghigiani si fanno fermare sul pari in casa dal fanalino di coda Città di Pomezia allungando a 5 i turni consecutivi senza trovare i tre punti. Ora il baratro della zona retrocessione si fa sempre più vicino, visto che i punti di distacco sul Grappa sono diventati solamente 3. Dall’altra parte il Città di Pomezia trova il quarto risultato utile di fila che la fanno salire a quota 19 punti, un po’ troppo tardivo, però, il risveglio dei pometini ormai con un piede in Terza categoria. E’ il Città di Pomezia ad andare in vantaggio sul finale di primo tempo. Nella ripresa il risveglio del Carso che coglie una traversa con Omar Banin a soli 3′ dall’inizio di gara. A prendere per mano i borghigiani ci pensa allora un altro Banin, Marco, che al 60′ gira a rete un perfetto gross di Morgagni dalla destra.

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento