II categoria N – De Paris: “Ci salviamo e io resto a Borgo Grappa”

Tutti, poco dopo il brusco fischio finale del Verga, erano convinti che quelli che aveva trovato il Borgo Grappa erano tre punti pesanti come macigni. La contemporanea vittoria del Sales e del Sabaudia però ha solo prolungato questa bella ed avvincente lotta per non retrocedere. Ora insieme a queste tre squadre troviamo anche il Nuovo 

Leggi tutto

david-de-parisTutti, poco dopo il brusco fischio finale del Verga, erano convinti che quelli che aveva trovato il Borgo Grappa erano tre punti pesanti come macigni. La contemporanea vittoria del Sales e del Sabaudia però ha solo prolungato questa bella ed avvincente lotta per non retrocedere. Ora insieme a queste tre squadre troviamo anche il Nuovo Latina, il Bella Farnia e la Polisportiva Carso (sei squadre in cinque punti). In casa Borgo Grappa però regna l’ottimismo: Io dico che arriviamo quart’ultimi – afferma l’ottimista David De Paris –  Ho sempre creduto nella salvezza”. La permanenza in seconda categoria appare ancora a portata di mano ma comunque il tecnico borghigiano preferisce esaltare quello che di buono stanno facendo i suoi ragazzi, soprattutto perchè si tratta di una rosa molto giovane e poco esperta, tanto che sta crescendo proprio in questa parte finale del campionato. david-de-paris-2“Stiamo facendo una grande stagione perché abbiamo in rosa molti giocatori che non hanno alcun passato in squadre di calcio, quindi devo ringraziarli particolarmente perché, per le nostre condizioni, ci stiamo comportando alla grande e comunque stanno crescendo piano piano”. Limiti di una squadra che si trova notevolmente indietro per gol fatti (solo 20 all’attivo) ma che, a dispetto delle sue rivali per la salvezza, ha una difesa di ferro, inferiore solo alle squadre di vertice (27 le reti subite): un’ottima base per poter crescere ulteriormente nella prossima stagione. “Io ovviamente mi auguro di poter allestire una squadra per la seconda categoria – continua il tecnico amaranto – La volontà di rimanere dei ragazzi c’è, con qualche inserimento di categoria sono convinto che si può migliorare. In più sarebbe anche una buona occasione di crescita per tutti i giovani che abbiamo in rosa”.

 

Stefano Scala

Lascia un commento